Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Covid, Israele revoca l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto

Immagine di copertina
La spiaggia di Tel Aviv. Credit: EPA/ABIR SULTAN/ANSA

La decisione del governo dettata dal successo della campagna vaccinale, nonostante le preoccupazioni interne al ministero della Salute

In Israele la mascherina non sarà più obbligatoria all’aperto a partire da domenica 18 aprile. L’annuncio, dato ieri dal ministro della Salute Yuli Edelstein mentre volgevano al termine le celebrazioni della Giornata dell’Indipendenza, mostra quanto lo Stato ebraico sia avanti nella lotta contro la pandemia di Covid-19, nonostante le preoccupazioni serpeggianti all’interno dello stesso governo di Tel Aviv.

Il ministro Edelstein ha infatti incaricato il direttore generale del ministero israeliano della Salute, Chezy Levy, di firmare un decreto che a partire da questa domenica ponga fine all’obbligo di indossare le mascherine all’aperto, dopo aver consultato alcuni esperti. L’incarico è stato affidato proprio al dirigente che all’inizio del mese si era detto ancora scettico su tali misure, sostenendo che il ricorso alla mascherina all’aperto resti un provvedimento efficace nel frenare la diffusione del Covid.

“Le mascherine hanno lo scopo di proteggerci dal Coronavirus“, ha spiegato Edelstein. “Una volta che professionisti esperti hanno deciso che non era più necessario indossarle negli spazi aperti, ho deciso di consentire alla cittadinanza di toglierle”. Il ministro ha poi giustificato la possibilità di allentare le misure di prevenzione con il successo della campagna di vaccinazione in Israele, pur chiedendo a tutti di restare vigili e di rispettare le regole negli spazi chiusi.

Da tempo, la stampa israeliana dava voce a vari operatori sanitari secondo cui l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto sarebbe presto terminato, nonostante le perplessità di alcuni esperti, tra cui lo stesso direttore generale del ministero israeliano della Salute, Chezy Levy. “Non crediamo di essere ancora pronti”, aveva detto il 1 aprile Levy all’emittente pubblica Kan rispondendo a una domanda in merito alla revoca dell’obbligo. “Anche all’esterno, in condizioni di assembramento, la mascherina ha un’importante efficacia preventiva”.

Tuttavia nelle ultime settimane i resoconti dei media locali indicavano che alla polizia era già stato ordinato di concentrarsi su chi viola le regole della quarantena piuttosto che sul far rispettare l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto. Inoltre, il governo israeliano aveva già deciso di riaprire completamente le scuole a partire dalla prossima settimana, ponendo fine alle regole di distanziamento e al limite di alunni per classe.

Dopo aver subito una terza ondata di contagi, negli ultimi mesi la situazione in Israele è migliorata rapidamente anche grazie alla campagna di vaccinazione pro capite più veloce al mondo. Al 15 aprile, nello Stato ebraico erano infatti state somministrate almeno 116 dosi di siero ogni 100 abitanti, il che significa che il 60 per cento della popolazione ha già ricevuto la prima dose e il 56 per cento è completamente vaccinato contro il Coronavirus, con il risultato che i nuovi contagi giornalieri e i casi gravi sono scesi ai minimi dallo scorso anno. Tutto questo ha permesso alle autorità israeliane di allentare notevolmente le restrizioni, riaprendo attività commerciali, fiere e altro.

Secondo uno dei maggiori esperti israeliani sulla pandemia, Eran SegalIsraele potrebbe aver raggiunto “una sorta di immunità di gregge” e potrebbe tranquillamente allentare ulteriormente le restrizioni. In un’intervista andata in onda domenica 11 aprile su Channel 12, il biologo computazionale del Weizmann Institute of Science ha osservato come, grazie alla vaccinazione della maggior parte della popolazione, le riaperture e gli assembramenti visti durante le festività di Purim e della Pasqua ebraica non hanno contribuito a un aumento dei casi.

Secondo gli ultimi dati divulgati ieri sera dal ministero israeliano della Salute, mercoledì 14 aprile sono stati registrati 287 nuovi casi di contagio, con un tasso di positività pari allo 0,4 per cento su 55.470 test effettuati, portando a 836.706 il totale dei casi confermati nello Stato ebraico dall’inizio della pandemia. Il bilancio delle vittime correlate al Coronavirus resta invece fermo a 6.314. Attualmente, in Israele si registrano 2.945 positivi, compresi 209 pazienti in condizioni gravi, di cui 126 necessitano di un ventilatore polmonare.

Leggi anche: Covid, l’a.d. di Pfizer promette: “Entro l’autunno torneremo alla normalità // Riaperture, Draghi: “Saranno graduali ma irreversibili”. Le tappe dalla fine di aprile a giugno // Al ristorante anche a cena, cinema con tampone in zona rossa: il piano riaperture delle Regioni

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Esteri / Brexit, provano a entrare nel Regno Unito: 30 cittadini italiani ed europei fermati e detenuti
Esteri / Hong Kong, viaggio nella città simbolo del nuovo mondo globale
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Brexit, provano a entrare nel Regno Unito: 30 cittadini italiani ed europei fermati e detenuti
Esteri / Hong Kong, viaggio nella città simbolo del nuovo mondo globale
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Esteri / La città giapponese che ha speso i soldi del Recovery per costruire la statua di un calamaro gigante
Esteri / In Colombia la polizia spara su studenti e operai: oltre 30 morti e 800 arresti
Esteri / Sospensione brevetti vaccini, Ue spaccata: Italia e Francia a favore, Germania contro
Esteri / La guerra della pesca: cosa sta succedendo nella Manica tra Francia e Regno Unito
Esteri / Donna scomparsa ritrovata in un canyon: è sopravvissuta 5 mesi mangiando erba e muschio
Esteri / L’ascesa della lady di ferro di Madrid che ha stravinto le elezioni tenendo aperti i ristoranti
Esteri / Usa, giustiziato per omicidio: 4 anni dopo test scoprono DNA di un altro