Covid ultime 24h
casi +22.930
deceduti +630
tamponi +148.945
terapie intensive +9

Crisi Usa-Iran: cosa ci faceva il generale Soleimani in Iraq?

Il generale iraniano si trovava a Baghdad per avviare una trattativa con l'Arabia Saudita: ecco il perché

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 6 Gen. 2020 alle 13:33
426
Immagine di copertina
Qassem Soleimani. Credit: Anadolu Agency

Crisi Usa-Iran: cosa ci faceva il generale Soleimani in Iraq?

L’uccisione di Qassem Soleimani, avvenuta a Baghdad lo scorso 3 gennaio, ha innescato una crisi diplomatica tra Usa e Iran: ma cosa ci faceva il generale iraniano in Iraq?

È la domanda che in molti si sono posti subito dopo la morte del militare, avvenuta in un raid statunitense ordinato direttamente dal presidente Trump.

Secondo quanto ricostruito dalla National Iraqi News Agency, che avrebbe raccolto le dichiarazioni del premier iracheno Adil Abdul-Mahdi, Soleimani (qui il suo profilo) si trovava a Baghdad per avviare una trattativa riservata con l’Arabia Saudita per conto dell’Iran, il proprio Paese.

Soleimani sarebbe arrivato a Baghdad per consegnare un messaggio di risposta del suo governo a un precedente messaggio saudita finalizzato ad allentare le tensioni tra i due Paesi.

L’Iraq, dunque, avrebbe svolto il ruolo di mediatore tra Iran e Arabia Saudita.

Il premier Adil Abdul-Mahdi, Soleimani, infatti, avrebbe dovuto incontrare Soleimani nella mattinata di venerdì 3 gennaio, giorno in cui è avvenuto il raid Usa, per ricevere il messaggio dal generale iraniano e a sua volta consegnarlo a un esponente dell’esecutivo di Riad.

Intanto, nella mattinata di lunedì 6 gennaio, si sono svolti a Teheran i funerali di Soleimani e di altre quattro guardie rivoluzionarie uccise assieme a lui, Shahroud Mozaffarinia, Vahid Zamanian, Hadi Taremi e Hossein Pour-Jafarinia.

Al corteo funebre hanno partecipato milioni di persone, le quali hanno gridato slogan contro Usa, Gran Bretagna e Israele e chiesto “vendetta” per la morte del generale.

Nel corso dei funerali, inoltre, la figlia di Soleimani ha affermato che le famiglie dei soldati statunitensi che si trovano in Medio Oriente: “Dovrebbero aspettarsi la morte dei loro figli”.

Leggi anche:

Crisi Usa-Iran, le alleanze sul campo: chi sta con chi. E l’Italia?

Iran, a Qom issata la bandiera rossa. L’esperta: “Simbolo che precede la battaglia”

Usa-Iran: dobbiamo aspettarci una guerra ora?

L’uccisione di Soleimani è un calcolo elettorale di Trump: ora si rischia davvero una guerra Usa-Iran (di G. Gramaglia)

Altro che guerra al terrore: Trump utilizza l’Iran per vincere le elezioni (di L. Telese)

Alta tensione Iran-Usa, le conseguenze in Medio Oriente dopo il raid che ha ucciso il generale Soleimani

Crisi Usa-Iran: quali sono i rischi per i militari italiani che si trovano in Iraq

Iran, il generale Esmail Qaani nominato successore di Soleimani alla guida delle forze speciali Al Quds

426
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.