Covid ultime 24h
casi +13.331
deceduti +488
tamponi +286.331
terapie intensive -4

Coronavirus, ultime notizie dal mondo. AstraZeneca: “Efficacia vaccino al 90 per cento con dosi ottimali”. Germania prevede avvio vaccinazioni a metà dicembre

Di Cristina Migliaccio
Pubblicato il 23 Nov. 2020 alle 06:32 Aggiornato il 23 Nov. 2020 alle 18:39
0
Immagine di copertina

Coronavirus, ultime notizie dal mondo: tutte le news in tempo reale

CORONAVIRUS, ULTIME NOTIZIE DAL MONDO – Sono oltre 58 milioni i casi di Coronavirus (Covid 19) accertati finora nel mondo, a fronte di più di 1,3 milioni di morti. Qui le ultime notizie sul Covid in Italia. Di seguito le notizie dal mondo sul Coronavirus di oggi, lunedì 23 novembre 2020, aggiornate in tempo reale.

Ore 18,37 – Germania prevede avvio vaccinazioni a metà dicembre – Il governo tedesco prevede di avviare la campagna di vaccinazioni contro il Coronavirus a metà dicembre. Lo ha dichiarato il ministro della Salute, Jens Spahn, in un’intervista a Rnd. “C’è ragione di essere ottimisti sull’approvazione di un vaccino in Europa quest’anno, cosi’ possiamo poi avviare la vaccinazione immediatamente”, ha detto Spahn, “ho chiesto che i lander abbiano i centri vaccinali pronti a essere operativi per metà dicembre. Credo che funzionerà”. Spahn non si sbilancia sul tempo che reputa necessario a vaccinare l’intera popolazione. “Ad ogni modo molti potenziali vaccini non richiedono un’intensa refrigerazione. Possono essere somministrati nello studio del medico di base, quindi si farà presto”. Se tutto andrà come previsto, prosegue il ministro, la Germania riceverà oltre 300 milioni di dosi del vaccino.

Ore 17,20 – Cina, allarme per un focolaio a Shanghai: test di massa all’aeroporto – Nella megalopoli sono stati individuati diversi casi di contagio tra il personale della zona cargo dell’aeroporto internazionale di Pudong e così è partito l’ordine di sottoporre a tampone i lavoratori. I circa 17mila addetti sono stati incanalati verso la zona di controllo, in un parcheggio sotterraneo e, secondo le immagini circolate sui social, ci sono state alcune scene di caos

Ore 15,40 – Oms, vaccini aiuteranno a mettere fine a pandemia – “Con le ultime notizie positive provenienti dalle sperimentazioni dei vaccini, la luce in fondo a questo tunnel lungo e buio sta diventando più splendente. Ora c’è una speranza reale che i vaccini – combinati con altre misure sanitarie testate – aiuteranno a mettere fine alla pandemia di Covid”. Lo ha affermato il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Ore 13,39 – Frena seconda ondata in Gb, 15.000 casi e 200 morti – Frena la seconda ondata di Coronavirus nei nel Regno Unito dopo quasi tre settimane di lockdown nazionale bis in Inghilterra, in scadenza il 2 dicembre. Lo confermano i dati resi noti oggi a margine del briefing di Downing Street del lunedì sulla pandemia del premier Boris Jonhson, reduce dall’aver formalizzato in Parlamento piani comunque prudenti per il dopo lockdown: dati stando ai quali nelle ultime 24 ore censite i nuovi contagi sono a 15.450 contro i poco meno di 20.000 di ieri, con altri 206 morti contro oltre 300 di ieri. Il totale dei test giornalieri processati è peraltro calato nel weekend a circa 280.000, dopo il record europeo assoluto di quasi 400.000 di venerdì.

Ore 11,00 – AstraZeneca: “Efficacia vaccino al 90 per cento con dosi ottimali” – L’efficacia del candidato vaccino di Oxford, sviluppato dalla casa farmaceutica AstraZeneca e dall’italiana Irbm, è pari al 90 per cento con il regime ottimale di somministrazione, che prevede l’inoculazione di mezza dose ed un richiamo con una dose completa dopo un mese. Lo riferiscono ad Agi fonti di AstraZeneca. Rimane confermata, viene precisato, la massima tolleranza per gli anziani, il costo di 2.80 euro per dose completa e la facilità nella somministrazione data dalla logistica, visto il vaccino può essere conservato in frigorifero.

Ore 10,50 – Vescovi Kenya: “Urgente dare priorità servizio sanitario” – Dare assoluta priorità al servizio sanitario, mettendo tutte le risorse finanziarie disponibili al servizio della salute pubblica. A chiederlo sono i vescovi keniani di fronte alla seconda ondata del coronavirus che ha colpito anche il Paese africano con una forte impennata dei contagi, soprattutto a novembre. I casi hanno ormai superato quota 76 mila, con 1.366 morti. “Siamo preoccupati dal fatto che, nonostante le disponibilità finanziarie e l’impegno dell’esecutivo, non siano state stanziate risorse adeguate a sostegno del sistema sanitario perché possa rispondere a questa pandemia”, scrivono i presuli in una dichiarazione firmata dal presidente della Conferenza episcopale keniana (Kccb) monsignor Philip Arnold Anyolo. Ad allarmare in particolare la Chiesa keniana è il numero crescente di contagiati e vittime tra gli operatori sanitari, medici e infermiere, che hanno annunciato uno sciopero a dicembre per protestare contro la mancanza di dispositivi di protezione individuale.

Ore 10,45 – Germania, 10.864 nuovi casi in 24 ore – La Germania ha registrato nelle ultime 24 ore 10.864 nuovi casi di coronavirus, un dato parziale dal momento che nel fine settimana non tutti i Lander comunicano i dati. Lo riferisce il Robert Koch Institut. In totale la Germania ha registrato 929.133 contagi e 14.112 decessi legati al Covid. Le persone guarite sono 618.800 mentre altri 296.200 casi restano attivi. L’incidenza è pari a 140,7 casi ogni 100 mila abitanti.

Ore 10,40 – Il ministro dell’Economia tedesco Altmaier di nuovo in quarantena – Il ministro dell’Economia tedesco, Peter Altmaier, è di nuovo in quarantena dopo che nel suo staff è stato rilevato un caso di Coronavirus. Lo riferisce un portavoce del ministero. Altmaier è risultato negativo al primo test. Si tratta della seconda volta che il titolare dell’Economia va in isolamento dopo la scoperta di una persona contagiata nella sua cerchia.

Ore 10,00 – Nuovo record contagi in Russia, oltre 25 mila in 24 ore – La Russia segna un nuovo record giornaliero di infezioni da Covid, con 25.173 casi nelle ultime 24 ore. I nuovi decessi sono 361, rendono noto le autorità sanitarie del Paese.     L’epicentro della pandemia rimane Mosca, con 6.866 casi nelle ultime 24 ore, in crescita rispetto ai 6.575 segnalati domenica. Nella capitale in un solo giorno sono state ricoverate 1.351 persone con il coronavirus. Crescono i contagi anche a San Pietroburgo, con 2.926 nuove infezioni conto le 2.668 del giorno precedente.

Ore 9,00 – Covid, il vaccino Oxford/Astrazeneca ha un’efficacia media del 70% – Un tipo di dosaggio è risultato efficace al 90 per cento e un altro al 62 per cento, per questo la società farmaceutica ha calcolato una media di efficacia al 70 per cento. Qui la notizia completa.

Ore 8,00 – Canada, Toronto in lockdown per 4 settimane, “situazione grave” – A Toronto, la più grande città del Canada, è stato deciso un “lockdown” di “almeno” 4 settimane per far fronte alla seconda ondata di diffusione del coronavirus. Saranno vietate anche le riunioni in casa e tutti i negozi non essenziali saranno chiusi, come bar e ristoranti che potranno fare solo servizio da asporto. Per funzioni religiose, matrimoni e funerali è permessa la partecipazione di 10 persone al massimo, ma le scuole resteranno aperte. “La situazione è estremamente grave, non possiamo rischiare di vedere sotto pressione i nostri ospedali”, ha spiegato il primo ministro della provincia dell’Ontario Doug Ford. La provincia più densamente abitata del Canada ha superato i 100 mila casi di Covid, sui 334 mila del Paese, uno di quelli che sono riusciti a contenere la diffusione del virus in occasione della prima ondata. I morti da coronavirus in Canada, che ha circa 38 milioni di abitanti, sono finora 11.502.

Ore 07,00 – Media Regno Unito: verso ok a vaccino Pfizer entro una settimana – L’ente regolatore britannico, Mhra, potrebbe dare il via libera al vaccino Pfizer contro il Covid-19 già entro una settimana, precedendo così l’autorizzazione della Fda americana. Lo riportano i media britannici. La distribuzione potrebbe così iniziare già dal primo dicembre. La scorsa settimana il Regno Unito ha chiesto formalmente al regolatore medico, l’Mhra, di valutare l’idoneità del vaccino Pfizer-BioNTech. La Gran Bretagna ha ordinato 40 milioni di dosi e prevede di riceverne 10 milioni, sufficienti per proteggere 5 milioni di persone, entro la fine dell’anno se le autorità di regolamentazione lo approveranno.

Ore 06,30 – Il Brasile supera i 169 mila decessi e 6 milioni di casi – Nelle ultime 24 ore il Brasile ha registrato 18.615 nuovi casi confermati di Covid-19 e 194 decessi portando il totale delle vittime a oltre 169 mila. L’ultimo rapporto ufficiale della nazione sudamericana, una delle tre più colpite al mondo dalla pandemia insieme a Stati Uniti e India in numeri assoluti, risulta inferiore rispetto a quelli dei giorni scorsi. Tuttavia, nei weekend i numeri tendono a diminuire a causa della mancanza di funzionari per elaborare i dati in comuni lontani, i cui dipartimenti della sanità locale non operano sabato e domenica e pubblicano i dati solo dal lunedì. Il bilancio totale dal primo contagio, il 26 febbraio, e dal primo decesso, il 12 marzo, entrambi a San Paolo, il Brasile ha ora 6.071.401 casi confermati e un totale di 169.183 decessi.

Ore 06,00 – I numeri in Francia continuano a calare, 13 mila casi – Calano in Francia, per il sesto giorno consecutivo, i pazienti affetti da Covid-19 ricoverati in unità di terapia intensiva, secondo gli ultimi dati ufficiali diffusi che confermano il miglioramento della situazione ospedaliera. La Francia ha registrato 13.157 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore (17.881 ieri e 22.882 due giorni fa). Il numero totale dei contagi è di 2,14 miliardi. Nell’ultimo giorno sono stati segnalati 215 decessi, (ieri erano stati 276 e 386 il giorno prima), per un totale di 48.732 decessi causati nel Paese dalla pandemia. Gli ospedali francesi hanno ricoverato 31.522 pazienti con Covid-19, con 4.491 in unità di terapia intensiva. Pur trattandosi di una riduzione minima rispetto ai 4.493 di ieri, è il sesto giorno consecutivo in cui il parametro cala. Allo stesso modo continua il calo del tasso di positività, che oggi è stato del 14%, dal 14,8% di ieri.

CORONAVIRUS, ULTIME NOTIZIE DAL MONDO: COSA È SUCCESSO IERI

In Usa le vaccinazioni potrebbero iniziare l’11 dicembre – Negli Stati Uniti le prime vaccinazioni contro il Covid-19 potrebbero essere effettuate già il prossimo 11 dicembre. Lo ha dichiarato alla Cnn Moncef Slaoui, il direttore di Operation Warp Speed, il programma della Casa Bianca per il finanziamento e l’approvvigionamento dei vaccini anti coronavirus. Pfizer, che ha sviluppato insieme alla tedesca BioNTech un vaccino risultato efficace al 95%, ha depositato ieri la richiesta d’autorizzazione d’emergenza alla Food and Drug Administration statunitense (Fda). La commissione degli esperti di vaccini della Fda si riunirà il 10 dicembre. Ciò significa, ha spiegato Slaoui, che il vaccino, se approvato, potrebbe essere distribuito già a partire dal giorno successivo. “Il nostro piano è essere in grado di spedire le dosi ai centri vaccinali entro 24 ore dall’approvazione, quindi credo un giorno o due dall’approvazione, cioè l’11 o il 12 dicembre”, ha dichiarato lo scienziato. L’altra compagnia che ha concluso con successo la ‘Fase 3’ dei test sul vaccino, Moderna, dovrebbe invece chiedere l’autorizzazione d’emergenza alla Fda nei prossimi giorni.

Aifa: “Il vaccino in arrivo è sicuro” – Il vaccino in arrivo è sicuro, perché “tutte le fasi di validazione e valutazione sono rispettate, nessuna tappa è stata saltata”. L’ultima e più importante, la fase 3, “ha comportato studi randomizzati su decine di migliaia di persone” per valutare gli effetti protettivi e la capacità di prevenire l’infezione. Così Nicola Magrini, direttore generale dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), sul Quotidiano Nazionale, facendo presente che si inizierà con gradualità: “Uno, due, poi tre milioni al mese di diversi vaccini, che andranno tenuti rigorosamente separati, l’importante sarà fare sempre il richiamo con lo stesso tipo”.

“In questi mesi sono stati testati 30-40 mila, anche 60 mila volontari – rileva – la sicurezza rispetto a eventi avversi rari è stata ampiamente verificata. Sono vaccini studiati secondo standard finalizzati alla registrazione, è fuori luogo pensare che siano state fatte le cose in fretta e male. Pfizer e Moderna hanno già annunciato i loro risultati, Astrazeneca lo farà ai primi di dicembre, e non è una gara a chi arriva primo, sono soluzioni concomitanti”.

In Bulgaria 2.279 casi e 42 morti in 24 ore – In Bulgaria nelle ultime 24 ore sono stati segnalati 42 decessi a causa del Coronavirus per un totale di 2.820 morti. Da ieri nel Paese balcanico, che conta circa 7 milioni di abitanti, si sono registrati 2.279 contagi da Covid-19 su 5.729 test diagnostici effettuati. Il totale dei contagi da inizio epidemia è a oggi di 120.697. Il bilancio dei casi di infezione fra il personale medico sanitario è salito a 4.737. Attualmente vi sono 82.125 casi attivi di coronavirus in Bulgaria, mentre negli ospedali sono ricoverati 6.193 pazienti, 408 dei quali in terapia intensiva.

Leggi anche: 1. Crisanti a TPI: “A mettere in dubbio il vaccino è il Ceo di Pfizer che vende le sue azioni, non io”; // 2. Esclusivo TPI. La notte dei tamponi che imbarazza la sanità campana: in quella RSA test ogni due minuti senza cambiare guanti fatti dal medico indagato; // 3. Esclusivo TPI. Tutti chiusi in casa, ma non l’ordine dei medici di Roma. La denuncia: “Ci sono le elezioni e il presidente vuole far votare 43mila colleghi in presenza”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.