Covid ultime 24h
casi +23.225
deceduti +993
tamponi +226.729
terapie intensive -19

“Chiuso per tutti, ma non per lui”: il re della Thailandia in vacanza in un albergo di lusso con 20 concubine

Di Redazione TPI
Pubblicato il 26 Mar. 2020 alle 11:23 Aggiornato il 26 Mar. 2020 alle 11:23
366
Immagine di copertina

“Chiuso per tutti, ma non per lui”: il re della Thailandia in vacanza in un albergo di lusso con 20 concubine

Mentre tutto il mondo si è fermato per via dell’emergenza Coronavirus il re della Thailandia sta passando alcuni giorni di vacanza in un lussuoso hotel della Baviera, in Germania, insieme a 20 concubine. Albergo chiuso al pubblico, ma straordinariamente aperto solo per poter ospitare re Maha Vajiralongkorn, anche noto come Rama X. A riportare la notizia Bild online, tabloid che ha denunciato come per il sovrano thailandese non valgano dunque le stesse regole, le stesse misure di restrizione, che invece tutti i tedeschi – come anche tanti altri cittadini europei e non solo – sono tenuti a osservare in questo periodo in cui il Covid-19 sta provocando la morte di migliaia di persone in tutto il mondo.

Il grand hotel in questione, il Sonnenbichl, si trova a Garmisch Patenkirchen, località sciistica bavarese, ed è stato – come la maggior parte delle attività – soggetto a chiusura da parte del governo nell’ambito delle misure di contrasto al Coronavirus; la struttura, però, ha deciso comunque di garantire il soggiorno al re 67enne dato che, come riferito dallo stesso hotel, “gli ospiti appartengono tutti a un gruppo omogeneo di persone, fra i quali non vi è alcuna fluttuazione”. E se i 119 dipendenti del sovrano sono stati rimandati con un volo a Bangkok, alle 20 concubine di Rama X è stato consentito di restare per il diletto del sovrano.

Leggi anche: 1. Il virus riscrive l’autobiografia della nazione (di Marco Revelli) / 2. Coronavirus, tamponi per asintomatici? Solo ai privilegiati. Così prolifera il business dei test privati

3. Coronavirus, parla la fidanzata di Rugani della Juve: “Il tampone? Sono venuti a farmelo a casa. Nessuna via preferenziale, il trattamento è uguale per tutti” (di Giulio Gambino) / 4. Lo sfogo di un medico a TPI: “Se la Lombardia non cambia strategia, la gente continuerà a morire”(di Selvaggia Lucarelli)

TUTTE ULTIME LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

366
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.