Pepe Mujica: “Il Coronavirus ci ricorda che non siamo proprietari del mondo”

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 3 Apr. 2020 alle 17:10
8.4k
Immagine di copertina
Pepe Mujica Credits: Ansa

Il Coronavirus secondo Pepe Mujica: “Ricordiamo, non siamo proprietari del mondo”

“Il Coronavirus metterà fine alla globalizzazione capitalista?”. Con la domanda del giornalista sudamericano Jordi Évole, l’ex presidente dell’Uruguay Josè ‘Pepe’ Mujica ha colto l’occasione per affrontare un discorso più generale sulla condizione della nostra società ai tempi del Covid-19.

“No, non sarà il virus a decretare la fine del capitalismo – ha risposto Mujica – Questo dovrà venire dalla volontà organizzata degli uomini, che sono stati quelli che lo hanno creato. Quindi è l’uomo che deve distruggerlo. Il dio mercato è la religione fanatica del nostro tempo, governa tutto. Non credo che sarà il Coranavirus a fermarlo”.

“Non so se sia una situazione reversibile, ma dobbiamo lottare affinché lo diventi. Questo virus ci spaventa e prendiamo un certo grado di misure quasi eroiche. Sul piano del mercato e della globalizzazione bisognerebbe rispettare e non oltrepassare determinati limiti e certi parametri”, ha aggiunto l’ex Presidente.

I governi mondiali hanno sottovalutato la questione, hanno creduto che fosse un problema solo cinese, e ora invece lo è diventato per tutti. Grazie a questo spavento mondiale potrebbe emergere un po’ più di generosità e meno egoismo. Ma mi domando perché dei vecchietti continuino ad accumulare denaro senza senso. Parlo dei miliardari, di gente che concentra la ricchezza”, ha proseguito Mujica.

E’ molto critico Mujica nei confronti del capitalismo, soprattutto nei confronti dei multimiliardari: “Non capisco che cosa diavolo vogliano ancora, una manciata di vecchietti che bramano sempre più soldi. Perché non smettono di fare casini in giro? Se tanto poi alla fine, ad esempio ora, con il Coronavirus, vanno a morire come una qualsiasi altra persona”, dice Mujica  riferendosi alle multinazionali.

Quello dell’ex presidente è un appello: “Dobbiamo combattere l’egoismo che ci portiamo dentro al fine di superare il Coronavirus, dobbiamo diventare socialmente uniti gli uni agli altri”. L’ex presidente dell’Uruguay scuote il capo, è amareggiato e deluso nei confronti dei leader mondiali, che “poco o niente hanno fatto per mettere fine alla distruzione ambientale e degli ecosistemi.”

“Ma non ci lasciamo ingannare… non è un problema ecologico, bensì politico. L’essere umano non ha mai avuto così tante risorse, capacità e capitali per fermare questi fenomeni di distruzione del pianeta. Stiamo andando verso un “olocausto ecologico” e stanno preparando una padella gigantesca per friggerci”, spiega Mujica.

I messaggi del leader, come spesso è già accaduto in passato, riguardano la felicità interiore: “La peggiore solitudine è quella che abbiamo dentro; è tempo di meditare. Parla con te stesso e cerca di immaginare una finestra sul cielo. A ognuno di voi che vi sentite tristi e sconfortati da questi momenti, dico: finché avrete una ragione per vivere e combattere, non avrete tempo per la tristezza”.

Leggi anche:

1. Esclusivo TPI: “Cari italiani non illudetevi, la solidarietà della Cina è solo propaganda per esercitare un’influenza politica”. Parla Joshua Wong, leader delle proteste di Hong Kong / 2. Uno scudo penale per il Coronavirus: nel decreto Cura Italia spunta l’emendamento PD per sanare le responsabilità politiche / 3. Perché il vero numero dei guariti potrebbe essere più basso di quello “ufficiale”

4. Coronavirus, l’Iss: “Il Covid-19 può ripartire in autunno” / 5. “Devo andare dalle mie tre amanti”: le scuse di chi ha violato il divieto di uscire ai tempi del Coronavirus / 6. Il matrimonio salta ma lo celebra il figlio in casa: “Non potevamo far passare questo giorno così”

7. Senna (Lega) a TPI: “Il Coronavirus è la fine di un’era. Il mercato del lavoro cambierà, non solo in Lombardia” / 8. Impennata di casi a Cortina d’Ampezzo, il sindaco: “Fatale quell’ultimo fine settimana sulle piste” / 9. L’Europa chiede scusa all’Italia. Lettera di Von der Leyen: “All’inizio poca solidarietà, ma ora cambiamo passo con la cassa integrazione europea”

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

8.4k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.