Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

In Usa il Coronavirus fa strage di poveri, la Spagna migliora: a che punto è l’emergenza nel mondo | VIDEO

Continua il prezioso lavoro dei corrispondenti dell’associazione “Insieme in rete”, professionisti che vivono all’estero e che con l’iniziativa “Insieme nel mondo” informano tramite la loro pagina Facebook su come l’emergenza Covid-19 viene affrontata nei loro Paesi di residenza. Martina D’Orazio, psicologa, passeggia per un centro commerciale di Stoccolma pieno di gente, mostrando come in Svezia le misure per prevenire il contagio siano decisamente blande. La giornalista Cristina Marconi da Londra è stata invece la prima a informare dell’uscita del premier Boris Johnson dalla terapia intensiva e del miglioramento delle sue condizioni di salute. Nel Regno Unito il governo prepara una grande campagna di comunicazione per convincere la gente a restare a casa nei giorni di Pasqua.

Ancora difficile la situazione in Spagna, ma diminuiscono i contagi e i decessi. A raccontarlo è Steven Forti, anche lui giornalista, che pone l’accento sulle misure che il Governo della nazione iberica intende prendere per contrastare la forte crisi economica dovuta al lockdown e per contrastare il preoccupante aumento della povertà. Continua il lento ritorno alla normalità della Cina, luogo in cui tutto è cominciato. Nel suo puntuale report, l’ambasciatrice culturale Ilham Mounssif parla della graduale riapertura di parte delle attività commerciali e delle scuole, ma anche della preoccupazione per un ritorno del “nemico invisibile” che spinge alla prudenza: resteranno ancora chiusi a lungo locali, pub, discoteche e siti turistici.

Decisamente più grave la situazione negli Stati Uniti. A parlarne è ancora una volta l’attrice Isabella Weiss, che racconta come il Coronavirus abbia acuito le disuguaglianze: “A New York, come a Detroit, come a New Orleans – spiega – si muore di più se si è afroamericani o latinos. I quartieri più poveri sono i più colpiti e il 70% dei morti sono afroamericani. Si prospetta una società divisa in due: per censo e per razza”.

Leggi anche:

1. Il Coronavirus non è una livella: ecco la quarantena delle fragilità / 2. Gli Usa temono 100mila morti e in Cina torna la paura: l’avanzata del Coronavirus nel mondo | VIDEO / 3. L’Europa batte un colpo da cento miliardi e liquida le chiacchiere demagogiche dei “sovranisti”

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale