Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:44
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Le famiglie coreane separate dalla guerra si riuniscono dopo 65 anni

Immagine di copertina
Credit: Afp

Il ricongiungimento tra nuclei familiari è il frutto di un accordo raggiunto tra i rappresentanti delle due Coree a giugno, dopo il disgelo olimpico tra Seul e Pyongyang: 89 cittadini sud-coreani, in particolare persone anziane, hanno attraversato il confine per vedere i propri familiari residenti nel Nord

Un gruppo di 89 cittadini sud-coreani ha attraversato il confine con la Corea del Nord per incontrare i parenti da cui furono separati dalla guerra di Corea, conclusasi con l’armistizio del 1953. È il primo evento di questo tipo dall’ottobre 2015.

Si tratta soprattutto di persone anziane e per molte di loro è la prima volta che possono vedere i propri familiari residenti nel Nord.

Gli incontri, sei in totale, si tengono in un resort sul monte Kumgang, sul versante orientale della nordcoreano: in molti casi, si tratta di incontri tra fratelli o cugini mentre sono più rari quelli tra padri e figli.

I cittadini sudcoreani che potranno rivedere i loro cari sono soprattutto persone di età compresa tra i 70 e gli 80 anni, e sono accompagnati da oltre trecento persone: nel resort è presente anche un team di 30 medici, inviati dal governo di Seul nel caso dovessero verificarsi emergenze. Lo stesso programma di incontri, ha reso noto il Ministero dell’Unificazione delle due Coree di Seul, è stato organizzato in modo da evitare eccessivi spostamenti, venendo incontro alle esigenze dei più anziani.

Il ricongiungimento tra nuclei familiari è il frutto di un accordo raggiunto tra i rappresentanti delle due Coree a giugno, dopo il disgelo olimpico tra Seul e Pyongyang che ha portato alla partecipazione di una delegazione nord-coreana alle Olimpiadi invernali di Pyeongchang del febbraio scorso.

La riunione delle famiglie divise dalla guerra di Corea rappresenta uno dei momenti di maggiore impatto emotivo nei rapporti tra i due paesi: alcuni anziani diretti verso la Corea del Nord sono sulla sedia a rotelle e portano con sé regali per i loro cari, come mostrano le immagini diffuse dai media sudcoreani.

Secondo le registrazioni per gli incontri tra famiglie divise dalla guerra di Corea effettuate presso la Croce Rossa sudcoreana, e cominciate già alla fine degli anni Ottanta, sono circa 57mila i cittadini della Corea del Sud ancora in vita che attendono di riabbracciare i loro cari rimasti a nord del confine.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Orbán presto in Russia per vedere Putin: chiederà più gas verso l’Ungheria
Esteri / Honduras, Xiomara Castro è la prima presidente donna del paese
Esteri / Pakistan, 14enne si spara accidentalmente e muore mentre gira video su TikTok
Ti potrebbe interessare
Esteri / Orbán presto in Russia per vedere Putin: chiederà più gas verso l’Ungheria
Esteri / Honduras, Xiomara Castro è la prima presidente donna del paese
Esteri / Pakistan, 14enne si spara accidentalmente e muore mentre gira video su TikTok
Esteri / Polonia, donna incinta muore dopo aver portato in grembo un feto morto per 7 giorni
Esteri / Ucraina, tensione ancora alta: ambasciatore Usa consegna la risposta scritta alle garanzie chieste da Mosca
Esteri / Usa, 23enne trovata morta dopo un appuntamento su un’app di incontri: si indaga per omicidio
Esteri / Francia, il Parlamento approva: “Vietate le ‘terapie di conversione’ usate per ‘guarire’ l’omosessualità”
Esteri / “La Cina ha realizzato una app per spiare gli atleti alle Olimpiadi di Pechino”: l’accusa
Esteri / Crisi Russia-Ucraina, venti di guerra soffiano alle porte dell’Europa: cosa sta succedendo
Esteri / Crisi Ucraina-Russia, l’Italia rischia di trovarsi in prima linea al costo di 78 milioni di euro