Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

A largo della Corea del Sud è stato ritrovato un relitto che potrebbe avere a bordo oro per 114 miliardi

Immagine di copertina
La nave Dmitriy Donskoy

Spettacolare ritrovamento a largo della Corea del Sud. Il relitto di un vascello russo, affondato 113 anni fa, è stato individuato nelle acque a largo della isola sudcoreana di Ulleungdo. A rendere particolare la scoperta sarebbe il probabile carico della nave: 5.500 forzieri pieni d’oro, del valore di 114 miliardi di euro.

La nave in questione è la Dmitri Donskoi, lasciata affondare nel 1905 per evitare che i giapponesi si impadronissero del suo prezioso carico.

Secondo quanto riporta il South China Morning Post, si pensa che a bordo si trovino lingotti d’oro e monete dal valore di 133 miliardi di dollari.

Ad individuare il relitto dell’incrociatore della Marina imperiale russa sono stati dei mini sommergibili con equipaggio a una profondità di 434 metri, circa 1,3 chilometri a largo di Ulleungdo.

La compagnia di recuperi marittimi Shinil Group, che fa base a Seul, ha passato anni a cercare il relitto della Donskoi fino a che quest’anno non ha messo in piedi una squadra di esperti internazionali da Corea del Sud, Cina, Gran Bretagna e Canada.

“Lo scafo della nave è stato pesantemente danneggiato dai bombardamenti giapponesi, ma il ponte e le fiancate sono ben conservati”, ha fatto sapere la società, spiegando che l’identificazione del relitto è stata possibile grazie al nome ‘Dmitri Donskoi’ scritto in cirillico sulla poppa.

L’incrociatore, varato nel 1883, prese parte alla battaglia di Tsushima e nonostante i pesanti danni riportati, diede battaglia fino alla fine.

Dopo la disfatta russa la nave si diresse verso nord, per raggiungere Vladivistok, ma il 29 maggio del 1905 fu intercettata da navi da guerra giapponesi. Non volendo arrendersi, l’equipaggio dell’incrociatore decise di affondare la nave carica d’oro che sarebbe servito per dei pagamenti e tasse.

La Shinil Group ha annunciato che il relitto verrà riportato sulla terra ferma tra ottobre e novembre e che ha già raggiunto un accordo con il governo russo per cedere metà dell’oro che verrà ritrovato a bordo.

Una parte del ‘tesoro’ della Donskoi verrà investito in progetti per sviluppare il turismo sull’isola di Ulleungdo.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue