Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Corea del Sud, “I 263 pazienti recidivi al Coronavirus sono falsi positivi”

Immagine di copertina
Credit: Simon Shin/SOPA Images via ZUMA Wire

I test hanno confermato che non c'è stata una ricaduta nei pazienti guariti

Corea del Sud, i test sui pazienti sembrano escludere una seconda ricaduta

Dalla Corea del Sud arriva una buona notizia: i 263 pazienti coreani considerati recidivi al contagio sono in realtà “falsi positivi”. La seconda positività al Covid, infatti, era data da alcuni “frammenti di virus morti”.

A riportare la notizia è il quotidiano The Korea Herald che riporta le parole di Oh Myoung-don, medico ospedaliero dell’Università nazionale di Seul, della conferenza stampa che si è tenuta giovedì scorso al National Medical Center.

“I test – spiega l’esperto – hanno rilevato l’acido ribonucleico del virus morto”. Nei “test PCR, o test di reazione a catena della polimerasi, utilizzati per la diagnosi del Covid-19, i materiali genetici del virus si amplificano, sia che provengano da un virus vivo o solo da frammenti di cellule morte che possono prendere mesi per essere eliminate dai pazienti guariti”.

“I test PCR – sottolinea Oh Myoung-don – non sono in grado di distinguere se il virus sia vivo o morto, e questo può portare a falsi positivi”.

Sono 263 le persone risultate nuovamente positive dopo essere state dichiarate guarite in Corea del Sud, tra questi 17 minorenni. I risultati del comitato hanno confermato una precedente valutazione da parte dei Korea Centers for Disease Control and Prevention secondo cui i pazienti recidivi sembrano avere poca o nessuna contagiosità. Il KCDC ha citato i risultati dei test che non sono riusciti a trovare “virus vivi” nei pazienti guariti.

La Corea del Sud mercoledì scorso ha confermato 9 nuovi casi di Coronavirus, portando il totale a 10.761, secondo i Korea Centers for Disease Control and Prevention. Il bilancio delle vittime nel Paese è di 246.

Il comitato ha escluso la riattivazione di Covid-19 come motivo di ricadute e ha affermato che non vi era quasi nessuna possibilità che si potessero verificare reinfezioni a causa degli anticorpi che i pazienti sviluppano.

“Il processo tramite cui il Covid-19 produce un nuovo virus si svolge solo nelle cellule ospiti e non si infiltra nel nucleo. Ciò significa che non causa infezione cronica o recidiva “, ha dichiarato il medico Oh.

Leggi anche: 1. Esclusivo TPI: “Tamponi, tracciamento digitale e niente lockdown: così abbiamo contenuto il Coronavirus”. Il ministero della Salute della Corea del Sud spiega il modello coreano

Ti potrebbe interessare
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”
Esteri / Omicidio Regeni, l’impertinenza egiziana: “Non c’è motivo per iniziare un processo”
Esteri / Un bisonte e un paio d'occhiali da sole: così sottovoce Biden torna a trattare con Putin
Esteri / “Forza Italia”: Patrick Zaki scrive un bigliettino per gli azzurri dal carcere egiziano
Esteri / Hong Kong, blitz della polizia negli uffici del giornale pro-democrazia: 5 arresti
Esteri / Biden regala a Putin un bisonte di cristallo: ecco cosa simboleggia
Esteri / Violentata in una casa vacanze, 29enne risarcita con 7 milioni da Airbnb
Esteri / Abusati, picchiati, derubati: quei minori stranieri respinti illegalmente alla frontiera del Nord Italia