Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:07
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

In Corea del Sud decine di migliaia di persone in strada per chiedere le dimissioni del presidente

Immagine di copertina

Travolta da uno scandalo su presunte interferenze di una sua cara amica negli affari di stato, Park Geun-hye potrebbe essere il primo presidente a doversi dimettere

Decine di migliaia di manifestanti si sono riuniti sabato 12 novembre nel centro di Seul per chiedere le dimissioni della presidente Park Geun-hye.

Secondo la polizia, sono 170mila le persone attese da tutta la Corea del Sud nella grande piazza del palazzo di Città della capitale, mentre gli organizzatori prevedono di raggiungere fino a un milione di partecipanti.

Più di 25mila agenti sono stati impiegati nelle strade per seguire la protesta e scongiurare possibili disordini, mentre i servizi pubblici sono del tutto congestionati per l’enorme mole di persone che si sta spostando.

Altre manifestazioni di protesta, anche in altre città della Corea si erano svolte nel corso della settimana.

Secondo le accuse rivolte a Park Geun-hye, la presidente avrebbe consentito all’amica e confidente Choi Soon-sil, attualmente in arresto per abuso di potere e altri capi d’accusa, di interferire negli affari di stato, anche per fini personali, pur non avendo alcun titolo e incarico di governo.

La reazione del pubblico a quello che è stato percepito come un vero e proprio tradimento ha affossato la sua popolarità portandola al 5 per cento, la quota più bassa da quando è stato istituito l’indice di gradimento nel 1988.

Park ha licenziato molti dei suoi consiglieri in relazione alla vicenda e uno di loro, Jeong Ho-seong è stato arrestato giovedì 3 novembre con l’accusa di aver diffuso informazioni secretate e ha cercato di arginare le proteste dell’opposizione nominando un nuovo primo ministro.

Nessuno presidente sudcoreano ha mai dovuto rinunciare al proprio mandato in anticipo, ma Park potrebbe essere la prima data la crescente pressione dei cittadini e dell’opposizione.

(La manifestazione oceanica per le strade di Seul. Credit: Kim Hong-Ji)


Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo