Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Solo 6 convogli umanitari su 33 sono giunti a destinazione in Siria

Immagine di copertina

L'Onu denuncia che dalle scorte sono state rimosse quelle mediche, mentre Aleppo è sull'orlo di una catastrofe umanitaria

Nel corso dell’ultimo mese, l’80 per cento dei convogli di aiuti umanitari delle Nazioni Unite destinati alla popolazione siriana non sono arrivati a destinazione.

Solo sei convogli avrebbero raggiunto le aree designate e da alcuni di essi le autorità siriane avrebbero rimosso medicinali e strumenti per la chirurgia.

È questa la preoccupante rivelazione che ha diffuso ieri, venerdì 30 settembre 2016, il quotidiano britannico The Guardian, che sottolinea come milioni di persone nelle zone maggiormente colpite dalla guerra civile ormai nel suo sesto anno restino così senza accesso a scorte vitali. 

Una situazione drammatica che verrà raccontata nel dettaglio da un rapporto dell’Onu che sarà diffuso nelle prossime settimane. 

Helena Fraser, un alto funzionario dell’Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari (Ocha), ha usato termini come “scioccante” e “catastrofico” per descrivere l’impatto del conflitto, e soprattutto i continui attacchi alle strutture mediche.

In particolare, la parte orientale di Aleppo, quella in mano ai ribelli, subisce attacchi continui. L’Onu non ha accesso a quei quartieri da quasi tre mesi e descrive la situazione come una catastrofe umanitaria. 

“Lasciate che sia chiaro: Aleppo est in questo momento si trova sull’orlo del precipizio. Sta discendendo in un abisso crudele e impietoso”, ha detto Stephen O’Brien, sottosegretario Onu agli Affari umanitari.

Quando è stato concordato un cessate il fuoco il mese scorso, il governo siriano aveva infine acconsentito all’invio di 33 convogli umanitari delle Nazioni Unite e dei suoi partner. Ma gli aiuti sono rimasti bloccati fino al 19 settembre e uno di essi è stato attaccato in circostanze ancora da chiarire, anche se i sospetti sono caduti sui jet dell’aeronautica militare russa, schierata ormai da un anno al fianco del presidente siriano Bashar al-Assad.

Altri due convogli sono stati rispediti indietro dopo aver quasi raggiunto la propria destinazione perché la strada che dovevano percorrere era sottoposta a bombardamenti.

Sei convogli sono invece riusciti a raggiungere aree assediate: Moadamiya, Madaya, Zabadani, Foua, Kafriya, al-Waer e Talbiseh, ma le Nazioni Unite hanno denunciato che dai camion sono state scaricate alcune delle scorte, in particolare quelle mediche.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Putin mi ha promesso che non ucciderà Zelensky”: il racconto dell’ex premier israeliano
Esteri / Papa Francesco, concluso il viaggio in Africa: “I cristiani possono cambiare la storia”
Esteri / La Cina minaccia “azioni in risposta” all’abbattimento del pallone spia che sorvolava gli Stati Uniti
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Putin mi ha promesso che non ucciderà Zelensky”: il racconto dell’ex premier israeliano
Esteri / Papa Francesco, concluso il viaggio in Africa: “I cristiani possono cambiare la storia”
Esteri / La Cina minaccia “azioni in risposta” all’abbattimento del pallone spia che sorvolava gli Stati Uniti
Esteri / Nonna si tatua tutto il corpo (tranne il viso): “Orgogliosa di essere una tela vivente”
Esteri / Stati Uniti, abbattuto il pallone-spia cinese. La Difesa: “Sorvegliava siti strategici”
Esteri / La svolta autoritaria di Netanyahu rischia di trasformare Israele in una democratura
Esteri / Dal gas ai fertilizzanti: così la guerra di Putin sconfina nel Sahara
Esteri / Ucraina, Corea, Taiwan, Africa, Medio Oriente: ecco tutte le guerre di cui dovremo preoccuparci nel 2023
Esteri / In Ucraina la strada verso l’escalation è lastricata di armi (di S. Mentana)
Esteri / Furto a luci rosse in Spagna: rubati sex toys placcati in oro 24 carati