Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Congo, i risultati dell’autopsia: “Attanasio e Iacovacci morti in uno scontro a fuoco, non c’è stata esecuzione”

Immagine di copertina

Congo, i risultati dell’autopsia: “Attanasio e Iacovacci morti in uno scontro a fuoco”

Dall’autopsia dei corpi emerge un nuovo, importante, dettaglio rispetto all’attacco avvenuto in Congo che ha provocato la morte dell’ambasciatore italiano Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci: non si è trattato di un’esecuzione. Secondo il referto svolto oggi – mercoledì 24 febbraio – presso il Policlinico Gemelli, i due uomini sono stati uccisi nel corso di un tentativo di sequestro terminato tragicamente con un conflitto a fuoco.

In totale, sono quattro i colpi mortali: due hanno colpito l’ambasciatore e due il carabiniere. La Tac ha fatto invece emergere che i proiettili li hanno trapassati da sinistra a destra, provocando una sofferenza di circa un’ora di agonia prima della morte.

Sul caso stanno indagando sia la procura ordinaria sia la procura militare di Roma, come ha confermato il procuratore Antonio Sabino, che ha parlato di un mero fascicolo conoscitivo, un atto dovuto essendo coinvolto un militare.

I funerali

Intanto, le salme dei due italiani sono arrivate all’aeroporto di Ciampino, a Roma, martedì 23 febbraio, poco dopo le 23. I funerali di Stato si terranno giovedì 25 febbraio a Roma nella Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri. La cerimonia sarà trasmessa da Rai1 dalle ore 9.20 alle 11.

Chi era Luca Attanasio

Luca Attanasio era nato a Saronno, in provincia di Varese e aveva 43 anni. Si era laureato alla Bocconi nel 2001 e nel 2003 aveva iniziato la carriera diplomatica. Dopo diverse esperienze nelle ambasciate in Svizzera, in Marocco e in Nigeria, era dal 2017 capo missione a Kinshasa, nel Congo.

Era stato insignito, nel 2020, del Premio internazionale Nassiriya per la Pace 2020, insieme alla moglie Zakia Seddiki (qui il suo profilo), presidente di un’Organizzazione umanitaria che aiuta i bambini di strada. Oltre alla moglie lascia tre bimbe. Qui la sua biografia sul sito dell’ambasciata.

Chi era Vittorio Iacovacci

Il carabiniere Vittorio Iacovacci avrebbe compiuto 31 anni il prossimo mese di marzo. In forza al battaglione Gorizia dal 2016, aveva prestato servizio anche nella Folgore ed era originario di Sonnino, provincia di Latina. Iacovacci non era sposato e non aveva figli. Il militare 30enne dal settembre 2020 era in forza al 13esimo reggimento Friuli Venezia Giulia, a Gorizia, e in Congo si occupava proprio di proteggere l’ambasciatore italiano.

Leggi anche: 1. “Dicono sia pericoloso, ma fare l’ambasciatore è una missione”: il discorso di Attanasio sulla vita in Congo /2. Attacco in Congo, morti l’ambasciatore italiano Luca Attanasio e un carabiniere /3. Luca Attanasio, chi era l’ambasciatore italiano ucciso in Congo /4. Vittorio Iacovacci, chi era il carabiniere ucciso in Congo insieme all’ambasciatore Luca Attanasio

5. Luca Attanasio, l’intervista di Diego Bianchi nel 2019 all’ambasciatore ucciso in Congo | VIDEO /6. Nel 2020 l’ambasciatore Attanasio e la moglie Zakia avevano vinto un premio per il loro impegno per la pace /7. Chi è Zakia Seddiki, la moglie dell’ambasciatore Attanasio (premiata insieme a lui nel 2020) /8. “Luca era una forza della natura”: il sindaco di Limbiate ricorda l’ambasciatore ucciso in Congo

Ti potrebbe interessare
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Ti potrebbe interessare
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”