Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Condannati a morte in Iran

Immagine di copertina

Un uomo è stato impiccato per eresia e una donna deve negare di essere stata stuprata se vuole essere risparmiata

Il 37enne iraniano Mohsen Amir-Aslani è stato impiccato la scorsa settimana dopo essere stato giudicato colpevole di eresia e di avere insultato il profeta Giona.

Amir-Aslani era stato arrestato nove anni fa e secondo alcuni attivisti per i diritti umani ciò era avvenuto a causa delle sessioni di lettura del Corano da lui organizzate, dove offriva la sua personale interpretazione del libro sacro dell’Islam.

Tuttavia, le autorità iraniane negano che l’esecuzione sia legata a ragioni religiose. Dietro all’arresto di Amir-Aslani, secondo loro, ci sarebbero rapporti sessuali illegittimi avvenuti tra lui e le persone che partecipavano ai suoi incontri.

Non è tutt’ora chiaro se l’uomo avesse il permesso di svolgere queste sessioni di lettura coranica.

Sempre in Iran, ieri, è stata rinviata di dieci giorni la condanna a morte della 26enne Reyhaneh Jabbari, accusata di avere ucciso sette anni fa Morteza Abdolali Sarbandi, l’uomo che secondo quanto ha dichiarato la ragazza stava cercando di stuprarla.

La donna ha confessato di avere accoltellato la vittima, ma ora i genitori dell’uomo vogliono che Reyhaneh Jabbari dichiari anche di non aver subito alcuno stupro, e che solo in quel caso potranno prendere in considerazione il perdono.

Lo ha riferito la madre della ragazza iraniana condannata a morte, la quale dice di aver parlato con i genitori dell’uomo ucciso.

Se Reyhaneh Jabbari negasse di essere stata stuprata potrebbe venire risparmiata. In base alle leggi iraniane, la famiglia della vittima ha l’ultima parola sull’esecuzione di una condanna a morte e, se perdona il condannato, può evitare che venga ucciso.

“Ma come possiamo soddisfare una richiesta simile? – si chiede la madre di Reyhaneh – Come possiamo dire una falsità del genere? È contro i principi di mia figlia. Ci si chiede di dire una cosa non vera. Siamo distrutti, mia figlia è affranta e depressa”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Zelensky: “Il Donbass sarà di nuovo ucraino”
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Zelensky: “Il Donbass sarà di nuovo ucraino”
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini