Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:10
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Perché una città cilena costringe i suoi abitanti a rimuovere la loro appendice

Immagine di copertina

Prima di arrivare a Villa Las Estrellas, una cittadina cilena che si trova in Antartide, i futuri abitanti devono sottoporsi a una necessaria operazione chirurgica. Gli ospedali sono troppo lontani e le difficili condizioni ambientali rallentano gli spostamenti

Villa Las Estrellas, la città delle stelle, è una cittadina cilena che si trova in Antartide. È una stazione di ricerca, situata all’interno di una base militare.

Un reportage pubblicato dalla Bbc, e firmato dal giornalista Richard Fisher, racconta la vita all’interno dell’insediamento composto da una scuola, un ufficio postale e un piccolo nucleo di case.

Si tratta di uno dei pochi insediamenti presenti nella zona, insieme alla Esperanza Base argentina, ma si differenzia da tutti gli altri per una particolarità: i suoi abitanti sono costretti a rimuovere la loro appendice.

Una precauzione necessaria per chi ha intenzione di fermarsi nella base per molto tempo perché l’ospedale più vicino si trova a più di mille chilometri di distanza e nella base c’è solo un dottore, che non sarebbe in grado di compiere un intervento chirurgico.

Oltre a scienziati che si fermano per un periodo di tempo breve e variabile, e oltre al personale del sistema navale e aeronautico cileno, a Villa Las Estrellas si trova anche un gruppo di persone che invece si è stabilito tra i ghiacci per un lungo periodo di tempo.

La Bbc ha raccontato come si svolge la quotidianità delle loro giornate, in un villaggio che comprende solo un ufficio postale, una piccola scuola –  spesso chiusa a causa della neve alta – e una banca.

Il comandante Sergio Cubillos ha vissuto nella base con sua moglie e suo figlio, per più di due anni.

Mentre la sua famiglia è tornata a volte in Cile, il comandante Cubillos non si è mai allontanato.

Non lo ha mai fatto nonostante le difficoltà del tempo. “Quest’inverno non abbiamo potuto lasciare la nostra casa per settimane”, ha affermato Cubillos. “Le temperature sono scese oltre i 50 gradi”.

Tuttavia, Cubillos ha detto che la sua famiglia si è adattata e che vede come un’avventura la vita tra i ghiacci. “E io mi godo la vita anche perché sono il comandante”, ha detto Cubillos.

Ma non è il solo a stare nella base con il suo partner. Anche altri lavorano qui con il proprio compagno, come il medico di base, che è cileno. Ma iniziare una gravidanza è scoraggiato perché potrebbe essere troppo rischioso.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un utente ha scoperto una base militare “segreta” nel deserto del Sahara con Google Earth
Costume / "The Prince", la dissacrante serie tv sulla royal family scandalizza il Regno Unito
Esteri / Molesta le assistenti di volo e scatta la lite: passeggero legato al sedile con lo scotch e arrestato
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un utente ha scoperto una base militare “segreta” nel deserto del Sahara con Google Earth
Costume / "The Prince", la dissacrante serie tv sulla royal family scandalizza il Regno Unito
Esteri / Molesta le assistenti di volo e scatta la lite: passeggero legato al sedile con lo scotch e arrestato
Esteri / Si è suicidato uno dei poliziotti che difesero Capitol Hill dall’assalto: è il quarto in 7 mesi
Esteri / Atene assediata dagli incendi: migliaia di abitanti e turisti costretti alla fuga
Esteri / Cadaveri per le strade, negozi in fiamme e raid aerei: migliaia di civili fuggono dai talebani nel sud dell’Afghanistan
Esteri / Ucraina, uomo si barrica nella sede del governo e minaccia di far esplodere una bomba: arrestato
Esteri / "Quella maledetta esplosione ha ucciso nostra figlia e distrutto la nostra casa"
Esteri / L’Ungheria evoca l’uscita dall’Ue: “Possibile nel 2030, quando dovremo dare più di quanto riceviamo”
Esteri / A Wuhan torna l’incubo lockdown: isolato un quartiere e chiuse le scuole