Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Cina, a scuola le bambine studiano le tecniche per difendersi dagli abusi sessuali

Immagine di copertina
CXredit: Yao Qilin/Xinhua via ZUMA Wire

Lanciato da cento giornaliste cinesi con il supporto del China Children and Teenagers' Fund, il programma scolastico nasce per insegnare alle bambine a difendersi e dire no alle avances sessuali

Lezioni di autoprotezione contro abusi su minori nelle scuole cinesi

A scuola in Cina le bambine studiano le tecniche per difendersi e per dire “no” alle avances sessuali. Il progetto filantropico si chiama “Girls’ Protection” ed è stato introdotto proprio per contrastare gli abusi sui minori.

Lanciato da cento giornaliste cinesi con il supporto del China Children and Teenagers’ Fund, il programma scolastico è riuscito a impartire lezione in 30 province, regioni autonome e municipalità, offrendo aiuto a 550mila genitori e a 3,26 milioni di bambini a settembre di quest’anno.

Zhao Lijie, insegnante esperta del progetto che ha aderito nel 2015, ha dichiarato di aver tenuto “innumerevoli” lezioni in luoghi come la Regione Autonoma del Tibet e le province di Gansu e Henan.

“Non è un compito facile per me”, ha dichiarato Zhao, che ha sottolineato che gli aspiranti insegnanti devono ottenere un punteggio di almeno 55 su 61 all’esame di qualificazione.

“Con questo progetto, insegnanti, genitori, bambini e studenti adolescenti seguono lezioni diverse con svariati libri di testo, la cui versione per bambini è già stata modificata 55 volte in base alle reazioni dei bambini”. Lo afferma Sun Xuemei, una delle promotrici del progetto.

Xing Yanfei, madre di una bambina di sei anni e insegnante che interpreta il ruolo di “molestatrice” nelle scuole di Pechino, ha presentato domanda per un posto nel progetto dopo aver frequentato una lezione per i genitori nella capitale all’inizio di quest’anno.

“I bambini sono come angeli, e non potevo immaginare che gli abusi sessuali potessero capitare a mia figlia, le cui conoscenze contro simili abusi potrebbero non essere sufficienti”, ha affermato Xing Yanfei, aggiungendo che si impegnerà a portare l’iniziativa in più scuole possibili.

Progetti come “Girls’ Protection” contribuiscono a riformare il contesto legale per la protezione dei minori contro gli abusi. A partire dal 2014, il progetto ha organizzato un simposio ogni 2 marzo, invitando deputati dell’Assemblea nazionale del popolo e membri del Comitato nazionale della Conferenza politica consultiva del popolo cinese e studiosi per discutere le ultime questioni nel campo dell’abuso sessuale sui minori, nel tentativo di promuovere il miglioramento delle leggi e dei regolamenti riguardanti la protezione dei minori. Anche le procure sono disponibili a ricevere suggerimenti in materia.

Il 30 maggio scorso oltre 120 insegnanti e studenti delle scuole medie ed elementari hanno discusso con i legislatori e i consulenti politici della Procura suprema popolare su come educare i minori a proteggersi dagli abusi e su come la società può contribuire a proteggerli. Le loro voci non sono rimaste inascoltate.

Il primo novembre 2015, grazie all’impegno della All-China Women’s Federation e della China Foundation of Culture and Arts for Children, è stato abolito il “Reato di ragazze prostitute sotto i 14 anni”, in seguito a interrogativi su possibili discriminazioni di genere.

Inoltre, a febbraio, Liu Li, deputata dell’Assemblea nazionale del popolo e fondatrice della Lixing Charity Foundation, ha scoperto che il suo suggerimento nella prima sessione della 13esima Assemblea nazionale del popolo dello scorso marzo sulla costruzione di un meccanismo di indagine e di aiuto integrato per trattare i casi di abusi sessuali su minori è stato accettato e inserito in un piano di lavoro della Procura suprema popolare che va dal 2018 al 2022.

Più recentemente, alla fine di ottobre, il progetto di revisione della legge sulla tutela dei minori e della legge sulla prevenzione della delinquenza minorile è stato rivisto dai legislatori per introdurre misure volte a rafforzare la tutela legale dei minori contro gli abusi.

“Abbiamo visto grandi cambiamenti nell’educazione sessuale in questi sei anni, che possono andare a beneficio di più minori, soprattutto le bambine, permettendo loro di crescere senza preoccupazioni”, ha dichiarato Sun Xuemei.

“La Cina ha ancora bisogno di fare di più, e spero che i corsi di protezione personale possano essere organizzati nelle scuole primarie e medie di tutta la Cina”, ha concluso l’insegnante.

In Cina il fast food KFC apre un locale in cui si preserva un’antica lingua parlata solo dalle donne

Ti potrebbe interessare
Esteri / Brexit, provano a entrare nel Regno Unito: 30 cittadini italiani ed europei fermati e detenuti
Esteri / Hong Kong, viaggio nella città simbolo del nuovo mondo globale
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Brexit, provano a entrare nel Regno Unito: 30 cittadini italiani ed europei fermati e detenuti
Esteri / Hong Kong, viaggio nella città simbolo del nuovo mondo globale
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Esteri / La città giapponese che ha speso i soldi del Recovery per costruire la statua di un calamaro gigante
Esteri / In Colombia la polizia spara su studenti e operai: oltre 30 morti e 800 arresti
Esteri / Sospensione brevetti vaccini, Ue spaccata: Italia e Francia a favore, Germania contro
Esteri / La guerra della pesca: cosa sta succedendo nella Manica tra Francia e Regno Unito
Esteri / Donna scomparsa ritrovata in un canyon: è sopravvissuta 5 mesi mangiando erba e muschio
Esteri / L’ascesa della lady di ferro di Madrid che ha stravinto le elezioni tenendo aperti i ristoranti
Esteri / Usa, giustiziato per omicidio: 4 anni dopo test scoprono DNA di un altro