Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La città della CIna dove si producono le decorazioni natalizie per tutto il mondo

Immagine di copertina

Nella città di Yiwu vengono realizzate il 60 per cento delle decorazioni per il Natale di tutto il mondo

Nella città di Yiwu, a 300 chilometri a sud della metropoli cinese di Shanghai, circa 600 fabbriche produrrebbero il 60 per cento di tutte le decorazioni e accessori di Natale per tutto il mondo. Yiwu è il vero cuore del laboratorio di Babbo Natale, non il polo nord.

Nel “villaggio di Natale della Cina” non ci sono né elfi, né neve, né abeti, ma dal pavimento, alle finestre, ai muri tutto è colorato di rosso. 

A Yiwu vengono prodotte molte delle palline di Natale, delle lucine a LED, dei cappellini da Babbo Natale e molte altre decorazioni natalizie che si trovano in giro per il mondo. Gli operai di queste fabbriche lavorano 12 ore al giorno per un massimo di circa 370 euro al mese. Moltissimi sono lavoratori migranti arrivati da altre parti della Cina, e che spesso non sanno nemmeno che cosa sia veramente il Natale. 

Ciononostante, secondo il settimanale britannico l’Economist, in China sarebbe più conosciuto Babbo Natale di Gesù. 

“Forse è come il nostro Anno Nuovo”, dice all’agenzia cinese Sina un giovane operaio di Yiwu di nome Wei, che viene dalla provincia rurale di Guizhou, nel sud-ovest della Cina. Con suo padre lavora in un piccolo laboratorio ormai pieno di schizzi di colore rosso. Ogni giorno decorano 5mila palline di polistirolo, e ogni giorno usano circa 10 maschere per proteggersi dalle polveri nocive. Wei spera di riuscire a guadagnare abbastanza per sposarsi, e tornare a Guizhou insieme a suo padre. 

Tutti i prodotti vengono imballati e portati al magazzino all’ingrosso International Trade Market di Yiwu, chiamato anche la “Città delle merci cinesi”. Questo enorme negozio, dove tutto costa pochissimo, copre una superficie di quattro milioni di metri quadrati e dove si trovano circa 620mila depositi per merci.

Le Nazioni Unite hanno dichiarato che il complesso sarebbe “il più grande mercato di piccole merci in tutto il mondo”. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”
Esteri / Indonesiano positivo al Covid finge di essere la moglie e prende un aereo: scoperto durante il volo
Esteri / Come funziona il Green Pass all’estero: ecco i Paesi dove è obbligatorio e per quali attività
Esteri / Ombre cinesi sul G20 di Napoli: Pechino complica l'accordo sul clima
Esteri / “Chiedono il vaccino ma è troppo tardi”: il racconto del medico che cura i pazienti Covid non vaccinati
Esteri / Ungheria, Orban sfida l'Ue: "Un referendum sulla legge anti-Lgbtq"