Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Cina ha rilasciato un attivista svedese

Immagine di copertina

Peter Dahlin era stato arrestato nel gennaio del 2016 per attività contro la sicurezza nazionale

La Cina ha rilasciato Peter Dahlin, svedese cofondatore del Chinese Urgent Action Working Group, un’organizzazione di tutela dei diritti umani, che era stato arrestato nel gennaio 2016 perché sospettato di azioni pericolose per la sicurezza nazionale.

Lo ha annunciato il 26 gennaio il ministro degli esteri della Repubblica popolare cinese. Insieme a Dahlin era stata arrestata anche la sua fidanzata, Pan Jinling, e anche lei è stata rilasciata.

“Dahlin non è stato rilasciato ma espulso”, ha specificato un portavoce del ministero degli esteri cinese. “Durante l’interrogatorio sui suoi sospetti crimini ha confessato”, ha aggiunto. I sostenitori di Dahlin sostengono però che la confessione dell’attivista, trasmessa dalla televisione di stato cinese, la Cctv, sembrava essere fatta sotto costrizione. 

Molti governi occidentali e i gruppi di attivisti per i diritti umani hanno criticato l’uso delle confessioni in televisione, a cui il governo cinese sta ricorrendo frequentemente nelle ultime settimane, perché sono contro il giusto processo e i diritti dell’accusato.

Il ministro degli esteri svedese, che ha annunciato la liberazione dell’attivista, ha espresso intanto la sua preoccupazione per un altro cittadino naturalizzato svedese di cui si è molto parlato sia in Cina che all’estero tra la fine del 2015 e l’inizio 2016, Gui Minhai, un libraio-editore che viveva a Hong Kong scomparso nell’ottobre del 2015 mentre era in vacanza in Thailandia.

Minhai era poi riapparso nel mese di gennaio in un videomessaggio della tv di stato cinese in cui diceva di essersi consegnato volontariamente alle autorità per scontare una condanna di più di dieci anni fa per guida in stato di ebbrezza.

Il caso di Gui Minhai e la scomparsa di altri librai fanno temere che la Repubblica popolare stia mettendo in atto tattiche per erodere la formula “un paese, due sistemi” con la quale Hong Kong, ex colonia britannica, è stata governata dal suo ritorno sotto la sovranità cinese nel 1997.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Madre di 32 anni strangola i figli e poi tenta il suicidio: salvi lei e il bimbo di 7 mesi
Esteri / Denuncia anonima a scuola: “Quella mamma ha OnlyFans”. Tagliata fuori da tutte le attività scolastiche
Esteri / “Donna incinta condannata a morte”: continuano le proteste in Iran
Ti potrebbe interessare
Esteri / Madre di 32 anni strangola i figli e poi tenta il suicidio: salvi lei e il bimbo di 7 mesi
Esteri / Denuncia anonima a scuola: “Quella mamma ha OnlyFans”. Tagliata fuori da tutte le attività scolastiche
Esteri / “Donna incinta condannata a morte”: continuano le proteste in Iran
Esteri / Ucraina, allarme antiaereo a Kiev e in gran parte del Paese. Zelensky chiede jet e missili
Esteri / Spagna, attacco in due chiese con un machete: una vittima e quattro feriti. Si indaga per terrorismo
Esteri / Biden conferma l'invio di 31 carri armati Abrams in Ucraina: "Non è un'offensiva contro la Russia, aiutiamo Kiev a difendersi"
Esteri / Marocco ed Arabia Saudita firmano un accordo di cooperazione nella lotta al terrorismo
Esteri / Il video shock dal fronte ucraino: i soldati immersi nella “jacuzzi” militare
Esteri / Domandano aiuto alla nonna materna per tenere il nipote, lei chiede 20 euro l’ora più extra
Esteri / La reazione di Mosca all'invio dei tank americani in Ucraina: "Li distruggeremo"