Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 00:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Catalogna, Quim Torra è il nuovo presidente della Generalitat

Immagine di copertina
Quim Torra, nuovo presidente della Catalogna

L'indipendentista Quim Torra, candidato dal presidente destituito Carles Puigdemont, ha assunto la carica di presidente della Catalogna e messo fine al commissariamento della Generalitat

L’indipendentista Quim Torra è stato eletto oggi, 14 maggio 2018, presidente della Catalogna.

L’investitura di Torra mette fine a mesi di contrasti tra il governo centrale e la Generalitat catalana e al commissariamento della comunità, sotto il controllo di Madrid.

Quim Torra, 55 anni, ha ottenuto 66 voti a favore da parte dei gruppi indipendentisti Junts x Cat e Esquerra Repubblicana e 65 contrati.

Il partito anticapitalista Cup si è astenuto in questo secondo turno, permettendo l’elezione del nuovo presidente.

Quim Torra ers stato candidato alla guida della Generalitat dall’ex presidente in esilio, Carles Puigdemont.

Il nuovo presidente della Catalogna ha assicurato ai gruppi indipendentisti che “lavoreremo bene e uniti perché abbiamo lo stesso obiettivo, creare una repubblica”.

Nel suo discorso di investitura, Quim Torra ha ricordato che il vero presidente è Carles Puigdemont, sottolineando che si adopererà per rendere indipendente la Catalogna, ma ha anche affermato che ricomporrà la frattura sociale creatasi nella comunità in seguito al referendum di ottobre.

Torra ha concluso il suo discorso con “Visca Catalunya Llibra”, viva la Catalogna libera.

Come siamo arrivati fin qui

Lo crisi catalana ha avuto inizio ad ottobre 2017, quando il presidente CarlesPuigdemont ha deciso di indire il referendum per l’indipendenza della Catalogna nonostante il divieto del governo di Madrid.

La votazione, dichiarata illegittima dalla Corte suprema spagnola, aveva sancito la vittoria del fronte indipendentista.

Il presidente del governo centrale, Mariano Rajoy, era stato fortemente criticato dopo che la Guardia Civil aveva fatto irruzione in alcuni seggi e ferito alcuni votanti.

Dopo alcune settimane di botta e risposta tra Rajoy e Puigdemont sul significato politico del risultato del referendum, il presidente della Catalogna ha dichiarato l’indipendenza unilaterale della comunità.

Il governo di Madrid ha invece risposto con l’applicazione dell’articolo 155 della Costituzione spagnola, che permette di esautorare il governo catalano e indire a nuove elezioni regionali.

Il 30 ottobre 2017 Puigdemont si era autoesiliato in Belgio e lo stesso giorno era stato denunciato dalla procura generale per ribellione, sedizione e malversazione.

Con lui si erano recati a Bruxelles anche quattro ministri.

In base alle accuse, l’ex presidente della Catalogna rischia fino a 30 anni di carcere.

Grazie all’articolo 155, il governo di Madrid  ha indetto per il 21 dicembre le nuove elezioni per il Parlamento della Catalogna.

Le urne hanno sancito la vittoria del fronte indipendentista guidato da Puigdemont, rimasto in esilio in Belgio.

Nei mesi passati il presidente destituito aveva cercato di intavolare un dialogo con il governo di Rajoy e di trovare una soluzione alla crisi catalana, ma senza successo.

Carles Puigdemont era poi stato arrestato in Germania il 25 marzo 2018 e la Spagna ne aveva chiesto l’estradizione.

Secondo quanto emerso successivamente, l’intelligence spagnola aveva collocato sulla sua auto un chip gps per geolocalizzarne gli spostamenti.

L’ex leader catalano proveniva dalla Danimarca, dopo essere stato in visita in Finlandia per partecipare a una conferenza, quando è stato fermato dalla polizia tedesca.

Il tribunale territoriale dello stato di Schleswig-Holstein non ha acconsentito alle richieste del tribunale spagnolo e ha deciso di rimettere in libertà il leader catalano, escludendo l’estradizione per il reato di ribellione.

Il 24 marzo, infatti, era stato emesso per la seconda volta un mandato di cattura europeo nei confronti di Puigdemont e di altri quattro leader catalani, dopo che il primo era stato revocato nel dicembre 2017.

Poche ore dopo il suo arresto a Barcellona erano scoppiati disordini che avevano portato al ferimento di 89 persone e all’arresto di altre quattro.

Prima di Quim Torra, Carles Puigdemont aveva indicato Jordi Sànchez e Jordi Turull come possibili presidenti della Catalogna, ma entrambi si trovano ancora in carcere.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Germania, Olaf Scholz è il nuovo cancelliere: dopo 16 anni Angela Merkel lascia il governo
Esteri / “Abbiamo lasciato morire i civili sotto i Talebani”: la testimonianza shock di un funzionario britannico
Cronaca / Patrick Zaki è stato scarcerato: “Sto bene, forza Bologna!”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Germania, Olaf Scholz è il nuovo cancelliere: dopo 16 anni Angela Merkel lascia il governo
Esteri / “Abbiamo lasciato morire i civili sotto i Talebani”: la testimonianza shock di un funzionario britannico
Cronaca / Patrick Zaki è stato scarcerato: “Sto bene, forza Bologna!”
Esteri / India, precipita elicottero che trasportava il capo delle forze armate: almeno 13 morti
Esteri / Turismo spaziale, il miliardario giapponese Yusaku Maezawa è partito per l’Iss dove trascorrerà 12 giorni
Esteri / “Perché non indossi l’hijab?”: la polizia iraniana aggredisce una donna su un bus | VIDEO
Esteri / Mosca ammassa truppe al confine con l’Ucraina. Biden minaccia Putin di forti sanzioni: “Tornare alla diplomazia”
Esteri / “Se siete in questa chiamata siete licenziati”: manager dà il benservito a oltre 900 dipendenti su Zoom
Esteri / India, adolescente decapita la sorella con l’aiuto della madre
Esteri / Processo a Patrick Zaki: firmato ordine di scarcerazione in attesa dell’udienza del primo febbraio