Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:27
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Germania, il leader catalano Puigdemont libero su cauzione. Tribunale respinge richiesta di estradizione per ribellione

Immagine di copertina
Credit: Christian Charisius

L'ex presidente della Catalogna era stato arrestato il 25 marzo 2018 dalla polizia dopo essere entrato sul territorio tedesco

Il tribunale territoriale tedesco dello stato di Schleswig-Holstein ha rimesso in libertà il leader catalano Carles Puigdemont, escludendo l’estradizione in Spagna per il reato di ribellione, che era stata chiesta dalla procura.

Il tribunale ha disposto il rilascio di Puigdemont su cauzione in attesa mentre i giudici studiano il caso, secondo quanto riferito dal giornale spagnolo La Vanguardia.

L’ex presidente della Catalogna era stato arrestato il 25 marzo 2018 dalla polizia tedesca dopo essere entrato sul territorio della Germania.

Secondo quanto riferito in una nota, il tribunale ha considerato “inammissibile” l’accusa di ribellione, ma ritiene che possa essere accettata quella per corruzione, e per questo la procedura di estradizione resta in piedi. Per i giudici permane comunque il rischio di fuga.

La cauzione decisa è di 75mila euro. “Per motivi giuridici” non si può accettare una richiesta di estradizione per ribellione secondo il codice penale spagnolo, perché i fatti imputati non sono punibili secondo la legislazione tedesca”. Il reato equiparabile in Germania è “alto tradimento”, ma non si può perseguire per assenza dell’elemento della “violenza”.

Puigdemont è accusato per i reati di ribellione e appropriazione indebita di fondi pubblici e in Spagna rischia fino a 30 anni di carcere.

Il 25 marzo 2018 Puigdemont era stato arrestato dopo aver attraversato il confine tedesco per rientrare in Belgio, dove vive in esilio da cinque mesi.

Secondo quanto emerso successivamente, l’intelligence spagnola aveva collocato sulla sua auto un chip gps per geolocalizzarne gli spostamenti.

L’ex leader catalano proveniva dalla Danimarca, dopo essere stato in visita in Finlandia per partecipare a una conferenza.

Il 24 marzo 2018, dopo la sua partenza per la Scandinavia, era stato riattivato il mandato di arresto europeo nei confronti suoi e di altri quattro leader catalani, che era stato revocato nel dicembre 2017.

Il 25 marzo 2018 la sua auto è stata intercettata dalla polizia tedesca su un’autostrada nello stato Schleswig Holstein.

Poche ore dopo il suo arresto a Barcellona erano scoppiati disordini che hanno portato al ferimento di 89 persone e all’arresto di altre quattro.

Puigdemont si era recato in Belgio dopo la dichiarazione unilaterale d’indipendenza della Catalogna, che ha fatto seguito al referendum del primo ottobre, dichiarato illegittimo dalla Corte suprema spagnola.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Raid di Israele su Rafah: sedici morti tra i quali nove bambini
Esteri / Influenza aviaria, la preoccupazione dell’Oms per la trasmissione tra umani
Esteri / Media: “Hamas valuta l’ipotesi di lasciare il Qatar”. Bombardata in Iraq una base filo-iraniana
Ti potrebbe interessare
Esteri / Raid di Israele su Rafah: sedici morti tra i quali nove bambini
Esteri / Influenza aviaria, la preoccupazione dell’Oms per la trasmissione tra umani
Esteri / Media: “Hamas valuta l’ipotesi di lasciare il Qatar”. Bombardata in Iraq una base filo-iraniana
Esteri / Israele ha lanciato un attacco contro l’Iran: colpita una base militare a Isfahan. Media: “Teheran non pianifica una ritorsione immediata”. Blinken: "Usa non coinvolti"
Esteri / Germania, arrestate due spie russe che preparavano sabotaggi
Esteri / Brasile, porta il cadavere dello zio in banca per fargli firmare un prestito: arrestata
Esteri / Michel: “Iran è una minaccia non solo per Israele, va isolato”. Teheran: “Potremmo rivedere la nostra dottrina nucleare di fronte alle minacce di Israele”
Esteri / La scrittrice Sophie Kinsella: “Ho un cancro al cervello, sto facendo chemioterapia”
Esteri / Serie di attacchi di Hezbollah al Nord di Israele: 18 feriti. Tajani: “G7 al lavoro per sanzioni contro l’Iran”. Netanyahu: “Israele farà tutto il necessario per difendersi”
Esteri / Copenaghen, distrutto dalle fiamme gran parte dell’edificio della Borsa | VIDEO