Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 07:28
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Scoperti oltre 150 casi di stupri e violenze sessuali in Lapponia

Immagine di copertina
Credit: Afp

La polizia norvegese ha identificato 82 vittime, di età compresa tra i quattro e i 75 anni, e 92 sospetti. Le aggressioni sono avvenute nell'arco di più di 60 anni

La polizia norvegese ha scoperto 151 presunte aggressioni sessuali, tra le quali anche violenze su minori, avvenute in una piccola comunità della Lapponia nell’arco di più di 60 anni, dal 1953 a oggi.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

L’inchiesta è stata aperta dopo la pubblicazione sul quotidiano norvegese “Verdens Gang” delle testimonianze di 11 uomini e donne che hanno affermato di essere stati aggrediti a Tysfjord, un comune di duemila abitanti della contea di Nordland, nella parte settentrionale della Norvegia.

La polizia ha identificato 82 vittime di età compresa tra i quattro e i 75 anni e 92 sospetti, tra i quali anche tre donne. Alcuni di loro sono stati a loro volta vittime di aggressioni a sfondo sessuale.

Finora due persone sono state accusate di dieci aggressioni in totale. La polizia ha detto che presto potrebbero arrivare nuove accuse.

Tra i 151 presunti casi di violenza sessuale vi sono almeno 43 stupri, tre dei quali compiuti su bambini. Un centinaio di questi reati non sono più perseguibili perché caduti in prescrizione.

Il caso evidenzia la sfiducia che da sempre contraddistingue i rapporti tra le autorità nazionali e la comunità indigena sami, cui appartengono la maggior parte delle vittime e dei sospettati.

I sami, noti anche come lapponi, vivono nella parte settentrionale della Norvegia. Molti di loro sono seguaci del laestadianesimo, un movimento luterano nato nella metà del diciannovesimo secolo.

La popolazione sami che ancora vive in Norvegia è stimata tra le 40mila e le 60mila unità.

Nel 1997 il re di Norvegia Harald V si scusò ufficialmente con i sami, tradizionalmente vittime di discriminazioni nel paese del nord Europa.

Il loro stile di vita, strettamente legato all’ambiente, è da molti anni minacciato da estrazioni minerarie e disboscamenti che sottraggono spazi dedicati all’allevamento e alla pesca.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)