Covid ultime 24h
casi +20.648
deceduti +541
tamponi +176.934
terapie intensive -9

La carta igienica per smartphone che arriva dal Giappone

I giapponesi sono noti, e forse invidiati, per le loro toilette ipertecnologiche e dotate di ogni comfort

Di TPI
Pubblicato il 22 Dic. 2016 alle 12:38 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 16:22
0
Immagine di copertina

Il Giappone ha la fama di essere all’avanguardia per quanto riguarda le toilette: gioielli ipertecnologici dotati di pulsantiere e ogni comfort che si potrebbe desiderare in un luogo tanto intimo come un bagno.

Ma la passione nipponica per l’igiene non si ferma qui: nell’aeroporto internazionale di Narita sono stati installati, accanto alla carta igienica, dei rotoli di carta per pulire gli schermi degli smartphone degli utenti ed eliminare i germi che ne popolano la superficie.

L’idea è venuta a un’azienda, la Ntt Docomo, che ha installato la “carta igienica per smartphone” in 86 toilette degli arrivi dello scalo di Narita.

Ma perché quest’iniziativa? Si tratta della risposta agli inquietanti risultati di diversi studi che hanno dimostrato come gli schermi degli smartphone ospitino più germi di una tavoletta del wc.

Ora, se i visitatori stranieri dichiarano immancabilmente di apprezzare la specchiata pulizia dei bagni pubblici giapponesi, non stupisce affatto che proprio il paese del sol levante abbia introdotto quest’ultimo accessorio, chi altri avrebbe potuto pensarci?

Le toilette del Giappone

I bagni ipertecnologici giapponesi offrono opzioni sconosciute in quelli di (quasi) tutti gli altri paesi: tavolette riscaldate, getti di acqua tiepida, getti d’aria, rumori di sottofondo, scrosci d’acqua che coprono i fisiologici rumori comunemente legati all’utilizzo della toilette, deodoranti disponibili in varie fragranze e tavolette intelligenti che si alzano automaticamente di fronte a un uomo che preferisce urinare in piedi.

E siccome il wc è una componente essenziale delle nostre vite quotidiane, il Giappone ha pensato di dotarne anche gli ascensori. Non perché ritenga che gli utenti possano avere un’improvvisa impellenza tra un piano e l’altro ma perché potrebbe rivelarsi utile nello sfortunato caso di persone intrappolate in ascensore per varie ragioni, dai blackout ai terremoti.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.