Covid ultime 24h
casi +29.003
deceduti +822
tamponi +232.711
terapie intensive -2

Nuovo caso Floyd negli Usa, 27enne muore soffocato durante un arresto: “Non riesco a respirare”| VIDEO

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 25 Giu. 2020 alle 13:49 Aggiornato il 25 Giu. 2020 alle 15:27
356

Un altro video sconvolge l’America. Dopo la morte di George Floyd spunta un nuovo filmato che mette in crisi le forze dell’ordine statunitensi. Carlos “Adrian” Ingram Lopez, 27enne di origine ispanica, è morto durante un arresto della polizia a Tucson, Arizona.

Le immagini – catturate con la body cam della polizia – risalgono all’aprile scorso ma sono state diffuse soltanto due mesi dopo l’accaduto. Nei video, che girano su Twitter, si vedono tre agenti inseguire l’uomo in una casa. Ingram Lopez è stato poi tenuto faccia a terra per 12 minuti mentre chiedeva acqua e mormorava “non posso respirare”, la frase diventata un simbolo dopo la morte di George Floyd.

Gli agenti – Samuel Routledge, Ryan Starbuck and Jonathan Jackson – hanno presentato le loro dimissioni. La stessa cosa che ha fatto il capo della polizia Chris Magnus in seguito alla diffusione del video. I dettagli sulla morte di Ingram Lopez sono stati rivelati soltanto martedì quando la sindaca Regina Romero ha annullato la riunione del Consiglio comunale in seguito alla visione del video.

Leggi anche: 1. “Il gigante buono”: chi era l’afroamericano morto soffocato dalla polizia negli Usa / 2. Derek Chauvin, cosa sappiamo sul poliziotto che ha ucciso l’afroamericano George Floyd / 3. George Floyd, spunta il video-verità che smentisce la polizia. La sequenza completa dell’arresto | VIDEO / 4. Essere un nero in America è ancora una sentenza di morte (di V. Montaccini)/ 5. Il sindaco di New York: “Mia figlia arrestata nelle proteste, sono orgoglioso di lei” / 6. L’emozionante incontro tra il capo della polizia di Minneapolis e il fratello di George Floyd | VIDEO /7. George Floyd, spunta l’audio del 911: “Sono tutti seduti su di lui. Che succede?”

356
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.