Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il candidato filo-russo è il favorito al secondo turno delle elezioni presidenziali in Moldavia

Immagine di copertina

Dopo aver conquistato il 48,5 per cento delle preferenze al primo turno, Igor Dondon sfiderà la candidata europeista Maia Sandu

Il prossimo 13 novembre si terrà il ballottaggio per le elezioni presidenziali della Moldavia. Il candidato filo-russo Igor Dodon nel primo turno che si è tenuto domenica 30 ottobre non è riuscito a ottenere la maggioranza assoluta dei voti conquistando il 48,5 per cento. La rivale, l’europeista Maia Sandu ha ottenuto il 38,2 per cento delle preferenze.

Le elezioni presidenziali decideranno se la piccola nazione al confine tra Romania e Ucraina tornerà nell’orbita politica di Mosca o cercherà una maggiore integrazione con l’Unione europea.

L’affluenza è stata del 48 per cento e Sandu ha sostenuto che le autorità hanno “impedito” ai giovani di votare, senza tuttavia spiegare nei dettagli come ciò sia avvenuto.

Nel 2015 la politica dell’ex repubblica sovietica in cui vivono 3,5 milioni di persone è stata scossa dalla scoperta che circa un miliardo di dollari erano scomparsi dalle riserve bancarie del paese.

Migliaia di cittadini sono scesi in strada e Unione europea e Fondo Monetario Internazionale hanno interrotto i loro programmi di aiuti. Nello scandalo è rimasto implicato anche il primo ministro Vlad Filat, uno dei cinque premier che hanno ricoperto l’incarico negli ultimi tre anni.

In caso di vittoria, Dodon ha intenzione di istituire un referendum per annullare un accordo commerciale firmato nel 2014 con Bruxelles e partecipare all’Unione economica eurasiatica guidata da Mosca, dalla quale la piccola repubblica dipende anche dal punto di vista energetico.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Siria, bimba di 8 anni salvata dopo 40 ore sotto le macerie del terremoto
Esteri / ‘Ndrangheta, arrestato a Bali Antonio Strangio: era latitante da 7 anni
Esteri / Siria, miracolo dopo il terremoto: salvata una bambina nata sotto le macerie
Ti potrebbe interessare
Esteri / Siria, bimba di 8 anni salvata dopo 40 ore sotto le macerie del terremoto
Esteri / ‘Ndrangheta, arrestato a Bali Antonio Strangio: era latitante da 7 anni
Esteri / Siria, miracolo dopo il terremoto: salvata una bambina nata sotto le macerie
Esteri / Siria devastata dal terremoto, ma la figlia di Assad avverte: “Non inviate aiuti alle zone controllate dai ribelli”
Esteri / Terremoto in Turchia e Siria: nuova scossa 5.3 a Dogansehir. Le vittime sono più di 11.000
Esteri / Terremoto in Turchia, evasi 20 affiliati dell’Isis detenuti in Siria
Esteri / Terremoto in Turchia, estratti vivi dopo 28 ore una mamma e i suoi tre figli
Esteri / Qatargate, le pressioni di Panzeri per fermare la nomina Ue di Di Maio
Esteri / Terremoto in Turchia, morto il portiere Türkaslan: sui social la struggente reazione delle moglie
Esteri / Terremoto in Turchia: la scossa potente come 130 bombe atomiche, oltre 5.100 i morti