In Canada un pilota ubriaco è stato arrestato in cabina poco prima del decollo

L’equipaggio di una compagnia aerea canadese ha notato lo strano comportamento del pilota e ha chiamato la polizia: aveva alcol nel sangue tra volte superiore al limite

Di TPI
Pubblicato il 2 Gen. 2017 alle 10:08 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 20:01
0
Immagine di copertina

Un pilota ubriaco è stato arrestato mentre si trovava in cabina di pilotaggio poco prima del decollo di un volo da Calgary, nella provincia canadese di Alberta, diretto in Messico.

L’aereo della compagnia canadese Sunwing, un Boeing 737, si stava preparando alle operazioni di rullaggio sulla pista ma l’equipaggio ha cominciato a notare stranezze nel comportamento del primo pilota.

Il copilota e il resto dell’equipaggio hanno fatto scattare l’allarme e la polizia si è presentata sul velivolo per scortare l’ufficiale fuori dalla cabina di pilotaggio.

Due ore dopo, l’uomo, un 37enne slovacco, aveva un tasso di alcol nel sangue superiore a tre volte i limiti consentiti, come hanno evidenziato gli esami, scrive la Bbc sul sito web.

Il volo della Sunwing, una compagnia low-cost, è partito tre ore dopo alla volta di Cancun, ma con un altro pilota. Sobrio.

A bordo c’erano più di cento persone: 99 passeggeri e 5 membri dell’equipaggio.

Il fatto si è verificato poco prima delle 7 del mattino locali del 31 dicembre 2016. Il pilota è stato formalmente accusato per aver tentato di prendere i comandi di un volo in stato di ebbrezza.

“C’era tutto il potenziale per un disastro aereo. Per fortuna in un aeroporto esistono tali e tanti controlli da evitare che cose del genere accadano”, ha detto in una conferenza stampa il portavoce della polizia canadese, Paul Stacey. In ogni caso, ha puntualizzato, il pilota trovato ubriaco “non vedrà i comandi di un aereo per un bel pezzo”.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.