Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 23:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Spagna, il mistero delle buste piene di soldi inviate ai cittadini di Villarramiel

Immagine di copertina
Una scena del cartona Robin Hood

I meno fortunati hanno ricevuto solo dei messaggi

La storia di Robin Hood potrebbe essere più reale di quanto non si pensi, come dimostra il caso del paesino di Villarramiel, nel nord della Spagna. A riportare la notizia è El Pais.

Secondo quanto riportato dai media locali, da giorni alcuni degli 800 abitanti del luogo hanno trovato una busta con 50 o 100 euro nella loro cassetta della posta, nel cestino della bici o sotto la porta di casa.

Nonostante l’esiguo numero di abitanti, non è chiaro chi ci sia dietro a questi gesti di solidarietà e la polizia almeno per il momento non ha aperto un’indagine.

Non sembra neanche esserci un particolare legame tra le 15 persone che hanno ricevuto il denaro: in un caso si tratta di una vedova che vive con suo figlio, in un altro una coppia con due figli piccoli, o ancora due anziani e una coppia di mezza età senza figli.

Non tutte le buste inviate alla comunità contenevano soldi: alcuni infatti si sono dovuti accontentare di un messaggio come “Sei la principessa della casa”. Una magra consolazione rispetto ai 50 o ai 100 euro.

La notizia del “Robin Hood di Villarramiel” è subito spopolata sui social e in tanti ne hanno messo in dubbio la veridicità.

Per far luce sulla questione, l’agenzia stampa Afp ha contattato il Comune del paese ed è riuscita a parlare con la sindaca di Villarramiel. Nuria Simon però ha confermato la storia, affermando che sì, c’è chi lascia davvero buste contenenti denaro alle famiglie del paesino di 800 abitanti.

A mostrarsi diffidenti non sono stati solo gli utenti, ma anche coloro che hanno ricevuto la misteriosa lettera. Non convinti del contenuto, i 15 “fortunati” si sono recati chi dalle forze dell’ordine e chi in banca per accettarsi che i soldi ricevuti fossero veri e per capire se potessero tenere il contenuto, pur non conoscendone l’origine.

Il misterioso Robin Hood getterà la maschera o continuerà a compiere questi gesti di solidarietà restando nell’ombra?

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)