Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:04
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Bufera diplomatica tra Australia e Cina dopo il post shock di Pechino sulle violenze in Afghanistan

Immagine di copertina

Un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha pubblicato una foto ritoccata di un soldato australiano che uccide un bambino afghano, chiedendo le scuse dell'Australia per i presunti crimini di guerra commessi dai militari in Afghanistan. Immediata la reazione del premier Morrison

Un tweet pubblicato sul profilo del portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha scatenato una bufera diplomatica tra Cina e Australia. Il post contiene una foto ritoccata in cui un uomo vestito da soldato australiano che tiene un coltello insanguinato alla gola di un bambino afghano. Il riferimento è al rapporto uscito pochi giorni fa sui presunti crimini di guerra commessi da soldati australiani in Afghanistan tra il 2005 e il 2016.

Il tweet, che proviene da un account ufficiale del governo cinese, era accompagnato da un testo in cui il portavoce si diceva “scioccato dalle uccisioni di civili e prigionieri afghani (perpetrate) dai soldati australiani”. “Condanniamo fermamente questi atti e chiediamo che siano giudicati”, aggiungeva Zhao Lijian.

Il premier australiano, Scott Morrison, ha denunciato con ira il tweet e ha invitato la Cina a scusarsi formalmente. Morrison ha definito il tweet un “insulto scandaloso e ripugnante” contro le forze armate australiane, e ha chiesto a Twitter di rimuoverlo. “È oltraggioso e non può essere giustificato in alcun modo. Il governo cinese dovrebbe vergognarsi di questa pubblicazione”, ha detto il premier australiano.

In risposta alla richiesta di Morrison, Hua Chunying, un’altra portavoce del ministero degli Esteri cinese, ha chiesto all’Australia scuse ufficiali al popolo afgano per le “atrocità” commesse in Afghanistan. “Le vite degli afghani contano. Il governo australiano dovrebbe portare gli assassini di fronte alla giustizia e offrire scuse ufficiali al popolo afghano per l’uccisione di innocenti civili da parte dei soldati”, ha dichiarato. “L’Australia reagisce duramente al tweet del mio collega. Questo significa che la crudele uccisione di vite afghane è giustificata?”.

Negli ultimi mesi, i rapporti tra Canberra e Pechino si sono costantemente deteriorati. La Cina, il più grande partner commerciale dell’Australia, ha sospeso le importazioni di un gran numero di prodotti agricoli tra cui carne bovina, orzo e legname. Da parte sua, l’Australia ha escluso Huawei, il colosso cinese delle telecomunicazioni, dal dispiegamento della rete 5G e ha chiesto un’indagine indipendente sull’origine del Coronavirus.

Leggi anche: 1. Scoperta “Cappella Sistina” della Foresta Amazzonica: è una delle più grandi collezioni di arte rupestre /2. Giappone, la principessa Mako può sposare un “plebeo”: c’è l’ok della Corona /3. Svezia, l’immunità di gregge ha fallito. Il premier: “Situazione molto grave”

Ti potrebbe interessare
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Esteri / Teologo musulmano critica i completi delle pallavoliste turche: “Siete sultani della fede, non dello sport”
Esteri / Variante Delta, Fauci: “Vaccinati o no, la contagiosità dei positivi è identica”
Esteri / Obbligo di vaccino per i dipendenti Google e Facebook
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid
Esteri / Influencer di giorno, narcotrafficante di notte: arrestata la 19enne "Miss Cracolandia"