Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio

Immagine di copertina
Credit: Ansa foto

Buckingham Palace, la Torre di Londra, Plaza de España a Siviglia e il Burj Khalifa a Dubai rischiano tutti di finire in fondo al mare se l’umanità non si impegnerà seriamente per frenare i cambiamenti climatici.

La fosca previsione arriva da un nuovo studio del gruppo ambientalista Climate Central, secondo cui le attuali emissioni inquinanti aumenteranno le temperature mondiali di tre gradi Celsius provocando un innalzamento dei mari che inghiottirà una cinquantina di città in tutto il mondo, invitate a mettere subito in atto «misure difensive». Senza un significativo intervento, le terre abitate da quasi il 10 per cento dell’attuale popolazione mondiale (oltre 800 milioni di persone) sono a rischio inondazione. Molte piccole nazioni insulari potrebbero invece essere quasi totalmente sommerse.

Le zone più a rischio, abitate da circa 600 milioni di persone, si trovano in Asia, che conta otto delle dieci grandi nazioni più soggette a catastrofi naturali innescate dai cambiamenti climatici. Soltanto in Cina, quasi 43 milioni di persone vivono in territori destinati, entro la fine di questo secolo, a finire sommersi dal mare in caso di innalzamento delle temperature globali di tre gradi Celsius. Anche India, Vietnam e Indonesia figurano tra le nazioni più a rischio. Eppure la politica locale non sembra aver compreso la gravità della situazione. Questi Stati hanno aumentato il consumo e la capacità estrattiva di carbone tra il 2015 e il 2019.

Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”