A Bruxelles tornano i seminari dedicati ai genitori gay che vogliono ricorrere alla maternità surrogata

Per il quinto anno consecutivo l'evento è tornato in Europa

Di Marco Nepi
Pubblicato il 26 Set. 2019 alle 16:46 Aggiornato il 26 Set. 2019 alle 20:38
13
Immagine di copertina

A Bruxelles conferenze e seminari dedicati ai genitori gay sulla pratica della maternità surrogata

Si chiama Men Having Babies ed è un’organizzazione no profit che organizza cicli di conferenze, mostre e seminari dedicati ai futuri genitori gay che vogliono saperne qualcosa in più sulla pratica dell’utero in affitto.

L’associazione Men Having Babies offre seminari mensili e seminari annuali a New York e collabora con le associazioni di genitori LGBT per organizzare conferenze annuali a San Francisco, Taipei, Chicago, Florida, Toronto, Tel Aviv e Bruxelles sul tema della maternità surrogata.

La tappa europea degli incontri si è tenuta a Bruxelles lo scorso weekend, dal 20 al 22 settembre 2019. È il quinto anno consecutivo che l’associazione organizza incontri in Europa.

Una conferenza che fornisce “consulenza imparziale sulla maternità surrogata negli Stati Uniti e in Canada, consulenza medica e di bilancio approfondita, e una gamma ancora più ampia di fornitori di servizi pertinenti rispetto a passato” si legge sul sito.

Il programma è ricco e dettagliato. L’happy hour è ad accesso libero ma riservato soltanto a membri della comunità LGBT.

Dalle 9 alle 9,15 di sabato mattina ci si è dedicati a una “Panoramica delle opzioni genitoriali disponibili per i gay europei, tra cui maternità surrogata e adozione negli Stati Uniti e in Canada”.

Subito dopo, dalle 9,15 alle 10,30 si è entrati nel vivo, con un seminario sulla maternità surrogata, con esperienze di genitori gay che hanno attraversato il processo e informazioni utili per il relativo viaggio per chi volesse intraprendere il percorso della maternità surrogata con tanto di indicazioni utili sul viaggio nei paesi in cui la pratica è concessa.

La sessione comprendeva pure un prontuario sulle buone pratiche etiche. Ai genitori che vogliono intraprendere il percorso, l’associazione garantisce un pacchetto completo, con tanto di consigli sulla selezione di “fornitori di servizi di maternità surrogata eticamente affidabili, suggerimenti per risparmiare sui costi e un supporto finanziario”.

“Con oltre 8500 genitori gay futuri e attuali in tutto il mondo, – scrivono sul sito – l’organizzazione no profit Men Having Babies (MHB) si dedica ad aiutare gli uomini gay a diventare genitori. I proventi delle commissioni di sponsorizzazione vanno a beneficio del programma di assistenza ai genitori gay e sono destinati a potenziali genitori adottivi o surrogati dall’Europa”.

Le conferenze offrono opportunità di ottenere informazioni imparziali, accedere a una vasta gamma di fornitori di servizi pertinenti e connettersi con gli altri durante il processo di maternità surrogata. I proventi delle tasse di sponsorizzazione della conferenza vanno a beneficio del nostro Programma di assistenza ai genitori gay.

I futuri genitori gay hanno l’opportunità di confrontarsi con altre esperienze di altri genitori gay. L’associazione assicura di essere attenta anche agli aspetti psicologici ed etici della maternità surrogata e fornisce.

L’associazione mette a disposizione anche un team di avvocati, per coloro che sono interessati a discutere e approfondire ulteriormente gli aspetti sociali, etici, legali ed empirici della maternità surrogata e dei genitori LGBT.

Nella maggior parte dei paesi europei, infatti, la maternità surrogata è illegale e, si legge sul sito di Men Having Babies, “gli uomini gay che vogliono diventare padri devono affrontare seri ostacoli legali, culturali e finanziari”.

Chi disprezza i gay nasconde tendenze omosessuali: lo dice la scienza

13
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.