Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Brasile, “Cesare Battisti è irreperibile”. L’avvocato: “È a San Paolo, tornerà a giorni”

Immagine di copertina
Credit: Afp

Igor Tamasauskas, l'avvocato dell'ex terrorista, ha dichiarato che il suo cliente si trova a San Paolo e che tornerà presto a nela città di Cananeia, dove risiede

Cesare Battisti, l’ex terrorista dei Proletari armati per il comunismo, si è recato a San Paolo, dove si è riunito ieri con i suoi rappresentanti legali, e tornerà a Cananeia, dove risiede, nei prossimi giorni. A dirlo all’Ansa è stato Igor Tamasauskas, l’avvocato dell’ex terrorista, dopo alcuni reportage di stampa secondo i quali Battisti sembrava aver fatto perdere le tracce.

Interrogato su una possibile presa di posizione del suo cliente, dopo che il  neoeletto presidente brasiliano Jair Bolsonaro aveva assicurato che intende estradarlo in Italia, l’avvocato ha puntualizzato che Battisti “non ha bisogno di pronunciarsi in nessun modo” perchè “dispone di una decisione del Supremo Tribunale Federale (Stf) che garantisce la sua permanenza in Brasile”, emessa un anno fa da Luiz Fux, magistrato dell’alta corte.

In base a questa misura giudiziaria, il governo brasiliano non può concedere l’estradizione di Battisti finché il Stf non avrà deciso se un capo dello Stato ha la facoltà di modificare una decisione presa da un suo predecessore.

Secondo un articolo pubblicato da La Stampa, mercoledì 31 ottobre, Battisti era irreperibile da giorni.

“Era qui domenica, poi non l’ho visto più”, hanno detto alcuni testimoni di Cananeia, dove l’ex membro dei Pec abita dallo scorso mese di aprile, al quotidiano torinese.

Domenica 28 ottobre l’ultra conservatore Jair Bolsonaro, candiato del Partito Soscial-liberale, ha vinto le elezioni presidenziali promettendo all’Italia l’estradizione del latitante protetto in Brasile grazie alla clemenza concessa dall’ex presidente Lula da Silva.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / La donna che sfida i talebani: “Mentre tutti scappano dall’Afghanistan, io ho scelto di rimanere per lottare”
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli