Covid ultime 24h
casi +8.824
deceduti +377
tamponi +158.674
terapie intensive +41

In Bolivia alcuni minatori in rivolta hanno ucciso il vice ministro dell’Interno

Rodolfo Illanes e la sua guardia del corpo sono stati sequestrati in un posto di blocco a Panduro, a sud della capitale La Paz

Di TPI
Pubblicato il 27 Ago. 2016 alle 11:25 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 11:02
0
Immagine di copertina

Il governo boliviano ha riferito che afferma che il suo vice ministro dell’Interno è stato rapito e ucciso dai minatori in sciopero.

Rodolfo Illanes e la sua guardia del corpo sono stati sequestrati in un posto di blocco a Panduro, a sud della capitale La Paz. 

Il ministro dell’Interno Carlos Romero ha detto Illanes era stato ucciso in un attacco “vile e brutale”.

Altri due minatori sono morti per le ferite da arma da fuoco durante gli scontri con la polizia.

Le autorità non hanno potuto per il momento recuperare il suo corpo, ha detto il ministro della Difesa Reymi Ferreira. Più di 100 persone sono state arrestate. 

Il presidente Evo Morales si è detto “profondamente colpito” dalla morte di Illanes.

Dopo essere stato rapito, Illanes aveva detto alla radio boliviana che una condizione per il suo rilascio era che il governo negoziasse con i minatori una nuova legislazione. I minatori hanno bloccato una strada a Panduro.

La Federazione Nazionale delle miniere cooperative della Bolivia, una volta forti alleati del presidente Morales, ha iniziato una protesta a tempo indeterminato dopo il fallimento dei negoziati.

I manifestanti hanno chiesto più concessioni minerarie, il diritto al lavoro per le aziende private, e una maggiore rappresentanza sindacale.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.