Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:19
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Bloccato l’ingresso negli Usa a uno dei Caschi Bianchi siriani che doveva partecipare agli Oscar

Immagine di copertina

Khaled Khatib, siriano di 21 anni, avrebbe dovuto recarsi a Los Angeles per la cerimonia degli Oscar. A lui si devono importanti scene del documentario The White Helmets

Le autorità statunitensi hanno deciso di bloccare l’accesso nel paese al direttore della fotografia del documentario “The White Helmets”, un film sulla guerra civile siriana nominato agli Oscar.

Khaled Khatib, siriano di 21 anni, avrebbe dovuto recarsi a Los Angeles per la cerimonia degli Oscar. Ma secondo la corrispondenza interna dell’amministrazione Trump, esaminata dall’agenzia AP, il dipartimento di Sicurezza nazionale Usa ha deciso all’ultimo momento di bloccare il suo ingresso negli Stati Uniti.

Il giovane sarebbe dovuto arrivare sabato 25 febbraio 2017 su un volo della compagnia Turkish Airlines proveniente da Istanbul. Ma i piani sono cambiati dopo che i funzionari Usa hanno detto di aver trovato “informazioni negative” sull’operatore.

Il termine si riferisce a una categoria ampia che spazia dal legami con il terrorismo a semplici irregolarità del passaporto.

Il documentario “The White Helmets” racconta la storia dei Caschi Bianchi siriani, un gruppo di persone che lavora instancabilmente per salvare i civili colpiti dalla devastante guerra siriana. Khatib lavora come operatore e addetto stampa per il gruppo.

Nel 2015, ha incontrato il regista britannico Orlando von Einsiedel ed è stato reclutato per documentare le missioni di salvataggio del gruppo.

Il documentario di 40 minuti, prodotto da Netflix, ora è in nomination agli Oscar nella categoria “miglior documentario corto”. Racconta le storie di tre membri dei Caschi Bianchi dalla loro formazione in Turchia a quando hanno messo a rischio le loro vite per salvare i civili in Siria.

Molte delle riprese del film sono state realizzate da Khatib, che a sua volta ha rischiato la vita riprendendo momenti chiave della guerra civile. Dalle scene di uomini che scavavano tra le macerie seguendo il pianto di neonati a quelle di paura durante i bombardamenti.

— Leggi anche: Ho passato una giornata nel quartier generale dei Caschi Bianchi siriani a Istanbul

*Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.*

Qui sotto il trailer del documentario The White Helmets:

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.** 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”
Esteri / Indonesiano positivo al Covid finge di essere la moglie e prende un aereo: scoperto durante il volo
Esteri / Come funziona il Green Pass all’estero: ecco i Paesi dove è obbligatorio e per quali attività
Esteri / Ombre cinesi sul G20 di Napoli: Pechino complica l'accordo sul clima
Esteri / “Chiedono il vaccino ma è troppo tardi”: il racconto del medico che cura i pazienti Covid non vaccinati
Esteri / Ungheria, Orban sfida l'Ue: "Un referendum sulla legge anti-Lgbtq"
Esteri / Jeff Bezos ringrazia i dipendenti e i clienti Amazon: “Avete pagato il mio volo nello spazio”
Esteri / C'è anche Macron nella lista dei probabili spiati col software Pegasus