Covid ultime 24h
casi +15.199
deceduti +127
tamponi +177.848
terapie intensive +56

Usa: bimbo di un anno rinchiuso in una gabbia circondato da scarafaggi, topi e serpenti

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 8 Ott. 2020 alle 11:27 Aggiornato il 8 Ott. 2020 alle 11:29
74
Immagine di copertina

Rinchiuso in una gabbia circondato da topi, serpenti e insetti. In queste drammatiche condizioni è stato trovato un bambino di appena un anno e mezzo nel Tennessee, in America. Tra gli animali presenti anche un boa constrictor di quasi tre metri, come riferisce il Sun. Interrogati dalle autorità locali, i genitori hanno detto che quello “era il posto più sicuro” per lui. Una giustificazione che non gli ha evitato di finire in manette.

T.J. Brown, 46 anni, Heather Scarbrough, 42, e Charles Brown di 82 anni (il nonno del piccolo), sono stati arrestati alla fine di giugno nella contea di Henry con l’accusa di abusi sui minori aggravata, crudeltà sugli animali aggravata, possesso di armi da fuoco in commissione di un crimine, produzione di marijuana, possesso di accessori per droghe. Dopo una segnalazione per maltrattamento di animali, le forze dell’ordine hanno perquisito la roulotte nella quale vivevano. Quando sono entrati hanno trovato una situazione ben più grave del previsto.

All’interno e all’esterno della roulotte sono infatti stati rinvenuti 86 polli, 56 cani, 10 conigli, quattro pappagalli, tre gatti, otto serpenti, un fagiano, 531 tra topi, ratti e criceti e un geco. Sono state inoltre sequestrate 17 pistole e 127 piante di marijuana. Gli agenti hanno spiegato che la roulotte “puzzava di ammoniaca, con feci e urina che ricoprivano il pavimento e dozzine di scarafaggi che strisciavano all’interno della gabbia di metallo 4×4”. Proprio per la presenza di tutti questi animali, i genitori hanno preferito tenere il bambino in gabbia. Ora il piccolo è stato affidato ai servizi sociali.

“Con tutta l’esperienza che abbiamo da queste parti, era difficile che qualcosa potesse sorprenderci. Ma non ho mai visto niente del genere prima e posso garantire che anche le persone che erano con me hanno mai visto nulla di simile”, ha detto lo sceriffo Monte Belew.

Leggi anche: Bambino rinchiuso in un tugurio dai genitori: picchiato con un tubo, costretto a fare i bisogni in un bidone

74
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.