Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:24
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Bimbo di 6 anni incatenato come un cane per giorni. Il padre: “Volevo educarlo”

Immagine di copertina

Bimbo incatenato – Orrore in Ucraina. Un bambino di 6 anni è stato legato e incatenato come un cane dal padre per diversi giorni.

È stata la polizia a liberare il piccolo dopo aver ricevuto alcune segnalazioni sugli abusi che stava subendo. Gli agenti sono entrati nell’abitazione, che si trova nel villaggio di Aidar-Mykolaivka, nella regione di Luhansk.

Quello che hanno visto li ha lasciati sgomenti: il bambino era incatenato a un palo con evidenti segni di percosse. Gli agenti lo hanno liberato e portato in ospedale.

Il padre, un uomo di 36 anni, è stato arrestato. Fermata anche la matrigna, una donna di 27 anni. L’uomo si è giustificato così davanti alla polizia: “Lo legavo come un cane e lo picchiavo perché volevo educarlo”.

Il 36enne è stato immediatamente privato della potestà genitoriale. Dovrà rispondere delle accuse di tortura e pedofilia. Dalle indagini è infatti emerso che il piccolo è stato vittima anche di abusi sessuali.

L’uomo rischia una pena fino a cinque anni di carcere.

La denuncia sarebbe scattata dopo che il bambino ha raccontato ad alcuni suoi amici gli abusi subiti. Uno degli amichetti avrebbe allertato i suoi genitori, che si sono rivolti alla polizia.

Da lì l’abitazione nel villaggio di Aidar-Mykolaivka è stata attenzionata e gli agenti, dopo alcune verifiche, hanno deciso di fare un blitz per verificare la situazione.

Una volta dentro casa, si sono visti davanti quella terribile scena del bambino incatenato.

Il piccolo, che attualmente è ricoverato nell’ospedale di Novoaidarsky, dovrebbe essere presto trasferito in un orfanotrofio. La procura ha precisato che, in ogni caso, non verrà più restituito alla famiglia.

Il bambino sta ricevendo assistenza psicologica dai medici e dagli infermieri dell’ospedale, nella speranza che possa riprendersi al più presto da traumi che potrebbero segnarlo a vita.

Il piccolo, secondo quanto riferiscono i media locali, era già stato tolto al padre in passato. Dopo il divorzio e la convivenza con una nuova compagna, però, l’uomo era riuscito ad ottenere nuovamente l’affidamento del bambino.

Qui tutte le ultime notizie di cronaca
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”