Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Bimba di 3 anni muore di fame, la madre l’aveva abbandonata in casa per una settimana: “Ero andata a trovare il mio fidanzato”

Immagine di copertina

È successo in Giappone, dove una 24enne è stata arrestata: la donna ha detto che pensava che "sarebbe stato giusto" lasciare la bambina sola

Una donna giapponese di 24 anni, Saki Kakehashi, è stata arrestata dopo che sua figlia di tre anni – la piccola Noa – è morta di fame. La donna l’avrebbe lasciata da sola a casa per oltre una settimana nel proprio appartamento nel quartiere Ota Ward di Tokyo. Secondo quanto accertato dalla polizia e ammesso dalla stessa 24enne, la donna era andata a trovare il suo fidanzato a quasi mille chilometri di distanza. Secondo il Japan Times, la donna ha detto che pensava che “sarebbe stato giusto” lasciare la bambina sola e che non pensava che sarebbe morta.

Rientrata dal suo viaggio il 13 giugno, Kakehashi ha scoperto che Noa non respirava e ha chiamato i servizi di emergenza. La bambina è stata portata in ospedale, ma non c’è stato nulla da fare: la bambina è morta per grave disidratazione e denutrizione, come attestato dall’autopsia. La piccola aveva inoltre un’eruzione cutanea sul sedere provocata dal pannolino sporco, che le non veniva cambiato da tempo.

Madre e figlia vivevano sole nell’appartamento a seguito del divorzio della donna dal padre di Noa nel luglio 2017. Secondo la polizia, Kakehashi ha sistematicamente trascurato e maltrattato la bambina, che non frequentava l’asilo da più di un anno. L’appartamento era pieno di immondizia. La donna ha detto agli investigatori che Noa si era ammalata diversi giorni prima della sua morte, ma ha affermato di non avere soldi per farla curare in ospedale.

Leggi anche: 1. Rompe due denti alla figlia e la tiene legata per 9 ore al seggiolone: arrestata madre 23enne a Catania /2. Ema Stokholma racconta il suo difficile passato con una madre violenta /3. Bimba di 4 anni muore dopo essere stata violentata e picchiata: era stata trovata semi-nuda in un bosco /4. Sudafrica, la polizia indaga su una bambina di 2 anni violentata mentre era ricoverata con sintomi Covid

Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / La donna che sfida i talebani: “Mentre tutti scappano dall’Afghanistan, io ho scelto di rimanere per lottare”
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli