Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Nuove retate della polizia a Bruxelles

Immagine di copertina

Nella notte la polizia ha compiuto nuovi arresti di presunti jihadisti. A Bruxelles continua lo stato di massima allerta terrorismo

Le forze dell’ordine belghe hanno compiuto nella notte tra il 22 e il 23 novembre 19 retate nella città di Bruxelles che hanno coinvolto sette diversi quartieri e hanno portato all’arresto di 16 persone.

La retata arriva dopo due giorni in cui il governo aveva posto nel Paese, e in particolar modo a Bruxelles, lo stato di massima allerta per via del rischio che venisse compiuto un attentato terroristico da parte dell’Isis con modalità simili a quello di Parigi del 13 novembre.

Dai giorni immediatamente successivi a quell’attentato, infatti, le forze dell’ordine del Belgio hanno iniziato una serie di retate soprattutto nel quartiere di Molenbeek, quartiere in cui negli ultimi anni hanno trovato rifugio diversi militanti jihadisti, compresi i fratelli Abdeslam, tra i principali responsabili degli attacchi di Parigi, che vi abitavano.

Proprio Salah Abdeslam, unico sopravvissuto tra gli autori della strage, sarebbe ancora in fuga e non sarebbe stato individuato dalle autorità belghe che sono sulle sue tracce.

Secondo i media la polizia lo aveva identificato nei dintorni della città di Liegi a bordo di una Bmw mentre si dirigeva in direzione della Germania, ma sarebbe riuscito a far perdere le sue tracce.

Lo stato di allerta era fortemente aumentato dopo che in una retata a Molenbeek era stato trovato un vero e proprio arsenale con armi chimiche.

Il 23 novembre per il terzo giorno consecutivo Bruxelles continua a mantenere lo stato di massima allerta: i centri commerciali e la maggior parte dei negozi sono rimasti chiusi così come le scuole e gli eventi previsti sono stati annullati.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, primi risultati delle legislative: il partito di Putin in netto calo, boom dei comunisti
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, primi risultati delle legislative: il partito di Putin in netto calo, boom dei comunisti
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”
Esteri / La Corte europea dei diritti dell’uomo: il green pass “non viola i diritti umani”