Covid ultime 24h
casi +22.930
deceduti +630
tamponi +148.945
terapie intensive +9

Beirut, l’Italia invia squadre specializzate di vigili del fuoco in Libano

Di Anna Ditta
Pubblicato il 6 Ago. 2020 alle 07:37
2.1k
Immagine di copertina

C’è anche l’Italia tra i paesi che hanno inviato aiuti umanitari e personale specializzato in Libano dopo la violenta esplosione che si è verificata nella zona portuale di Beirut, costata la vita ad almeno 135 persone. A partire sono anche delle squadre dei vigili del fuoco e della Difesa specializzate in ambienti NBCR (Nucleare, Biologico, Chimico e Radiologico) ed esperti della valutazione del danno agli edifici coinvolti. A coordinare l’invio di aiuti è il Dipartimento della Protezione Civile, che ieri ha organizzato l’invio dall’Italia di due velivoli C130 dell’Aeronautica militare che hanno portato in Libano otto tonnellate di materiale sanitario e gli esperti.

L’operazione, che rientra nell’ambito del Meccanismo europeo di protezione civile, è stata disposta dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, a seguito della richiesta di assistenza internazionale formulata dalle autorità libanesi alla Commissione europea.

“L’Italia è, come sempre, al fianco del Libano! Stiamo predisponendo,  nel quadro del Meccanismo Europeo di Protezione Civile e con la collaborazione del Dipartimento Protezione Civile e del Ministero della Difesa, l’invio, nelle prossime ore, di circa 8,5 tonnellate di materiale sanitario, in particolare di kit chirurgici e dei cosiddetti “trauma kits”, soprattutto per far fronte alle esigenze legate all’emergenza sanitaria”, ha scritto su Facebook il viceministro degli Esteri Emanuela Del Re. “In aggiunta a questo, la nostra Protezione Civile sta predisponendo l’invio di squadre di personale NBCR (nucleo operativo nucleare, biologico, chimico e radiologico), di vigili del fuoco e di esperti della difesa”.

“Massima solidarietà al Libano dall’Italia, con l’invio di 8,5 tonnellate di materiale sanitario, oltre al supporto di squadre Nbcr (nucleare, biologico, chimico e radiologico), di vigili del fuoco e di esperti della difesa. Ottimo lavoro a Luigi Di Maio, Lorenzo Guerini e Emanuela Del Re”. Così su Twitter il deputato questore M5S Francesco D’Uva.

Leggi anche: 1. “A Beirut, come a Damasco, è morta la speranza”: parla lo scrittore siriano Shady Hamadi /2. Libano, esplosione al porto di Beirut: incidente o attentato? Tutte le ipotesi

3. Dietro l’esplosione di Beirut il nitrato d’ammonio: cos’è e quali altri incidenti ha provocato /4. “L’esplosione di Beirut è una tragedia annunciata, quel porto è il simbolo della corruzione in Libano”

2.1k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.