Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:19
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Le banche d’affari potrebbero trasferirsi fuori dal Regno Unito entro il 2017

Immagine di copertina

Il Regno Unito potrebbe quindi perdere il suo status di centro finanziario se non vi sarà nessun accordo per mantenere il diritti di vendere servizi in tutta l'Ue

Le banche d’affari potrebbero decidere di spostare le proprie attività fuori dal Regno Unito entro il 2017.

Le banche potrebbero infatti iniziare a prendere in considerazione l’ipotesi di spostare le loro attività fuori dal paese, se non vi sarà nessun accordo per garantire i loro diritti di vendere servizi liberamente in tutta l’Unione europea. Il Regno Unito potrebbe quindi perdere il suo status di centro finanziario. 

È stato il thinktank Open Europe, che aveva preso una posizione neutrale sul referendum, ad aver messo in guardia sul rischio.

Gli autori del rapporto hanno inoltre avvertito che tutto questo potrebbe avere ripercussioni sull’intero continente europeo, perché le banche potrebbero non necessariamente decidere di spostare le loro attività in un altro paese europeo, ma potrebbero al contrario optare per città come New York o Singapore. 

“Il settore dei servizi finanziari del Regno Unito impiega 1,9 milioni di lavoratori. Francoforte viene spesso considerata come una destinazione alternativa, ma l’intera città conta 725.000 abitanti. Si sente un gran parlare di Parigi o Dublino”, ha detto il thinktank riferendo però la grande incertezza che sta interessando il settore. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”