Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Orrore negli Usa: 13enne incatenato nudo nella cuccia dei cani da mamma e nonna

Immagine di copertina
Le foto segnaletiche della madre (in alto), il patrigno e la nonna del 13enne

Nella casa c'erano altri due bambini, presi in custodia dai servizi sociali

Nudo e con le catene ai piedi. Così la polizia di Prattville, negli Stati Uniti, allertata da una chiamata anonima, ha trovato un ragazzo di 13 anni all’interno della sua abitazione. In manette sono finiti la madre, il patrigno e la nonna del giovane, che ora saranno incriminati per abuso su minore.

Giovedì 20 settembre 2018, come raccontano i quotidiani locali, l’ufficio dello sceriffo della contea di Autaga, in Alabama, è stato  raggiunto da una chiamata.

Secondo la segnalazione, un ragazzo stava subendo abusi da parte della sua famiglia nel loro appartamento. L’anonimo aveva fornito diversi dettagli e l’indirizzo dell’abitazione.

Quando la polizia è arrivata sul posto, ha trovato il ragazzo di 13 anni completamente nudo e con delle catene strette intorno alle caviglie che lo tenevano immobilizzato alla porta.

Come hanno dichiarato le autorità, il ragazzo non era in grado di muoversi ed era rimasto in quella posizione “per un lungo periodo”.

Secondo la ricostruzione degli agenti, il ragazzo sarebbe stato incatenato tutta la notte precedente, almeno 18 ore, su decisione della madre e della nonna. Non era la prima volta che veniva messo in catene, e in passato era stato costretto a dormire nella cuccia del cane.

Le donne avrebbero confessato di aver messo in punizione l’adolescente perché aveva dato un calcio al fratellino di 5 anni la sera prima. Le autorità non hanno però trovato segni evidenti, come ferite o lividi.

Nonostante quanto successo, il 13enne non sembra aver riportato particolari traumi. Uno degli agenti giunti sul posto ha raccontato di essere entrato nella casa appena dopo la sua liberazione, e il ragazzo sembrava tranquillo e pronto a scherzare.

Nella casa, oltre al fratellino di 5 anni, c’era un altro bambino di 12. Tutti e tre sono stati presi in custodia dalle autorità e allontanati dalla casa.

La madre di 32 anni, il patrigno di 26 e la nonna di 58 sono stati arrestati e portati in carcere con una cauzione di 15 mila dollari a testa. Il reato di cui sono accusati è tortura o abuso su minore, ma le indagini proseguono e le accuse potrebbero aumentare.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue