Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il bambino che ha mandato a quel paese Trump in diretta televisiva

Immagine di copertina

Un inatteso siparietto ha avuto luogo durante una diretta di Fox News che seguiva le proteste in strada a Washington la sera prima dell'insediamento del neopresidente

Nella serata di giovedì 19 gennaio, l’inviato del canale statunitense Fox News Griff Jenkins si trovava a Washington per seguire il gala di inaugurazione della presidenza Trump, che con ironia era stato denominato dagli stessi organizzatori DeploraBall, un gioco di parole tra ball (“serata danzante”) e deplorable (“deplorabile”), rifacendosi a un epiteto usato da Hillary Clinton durante la campagna.

Mentre all’interno del National Press Club della capitale statunitense si celebrava l’inizio dell’era Trump, all’esterno migliaia di manifestanti erano impegnati a protestare contro il neoeletto presidente.

In particolare, tra i manifestanti l’inviato della Fox ha approcciato un ragazzino di dieci anni, Connor, trovato nei paraggi di un fuoco recentemente spento che era stato acceso in mezzo alla strada.

Il giornalista si è avvicinato in diretta al bambino e gli ha detto: “A quanto pare sei stato coinvolto anche tu in questo fuoco. Come ti chiami?”

La risposta è stata “Connor, e a dire la verità sono stato tra quelli che l’ha acceso”, il tutto detto con un’espressione niente affatto colpevole, ma anzi decisamente compiaciuta.

La conversazione è proseguita con l’intervistatore che ha chiesto: “Quindi perché avresti acceso quel fuoco, Carter?”, e il ragazzo che lo ha corretto dicendo “Mi chiamo Connor! Perché ne avevo voglia e volevo dire: fanculo il presidente!”.

Dopo essere andato in onda, il video è diventato rapidamente virale, com’era prevedibile. Eccolo:

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi