Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Una mamma morta da quattro mesi ha partorito una bambina

Immagine di copertina

Una mamma morta da quattro mesi partorisce una bambina

Il papà ha stretto forte tra le braccia la sua bambina, nata nonostante la mamma fosse morta ormai da quasi quattro lunghi mesi. L’incredibile storia arriva dalla Repubblica Ceca, a Brno, dove una giovane di 27 anni è morta prima di poter dare alla luce la sua piccola.

Sono circa venti i casi simili, ma quello raggiunto all’ospedale universitario della cittadina ceca è un risultato incredibile. Il peso della piccola, infatti, supera i due chili e va oltre il peso degli altri neonati venuti alla luce in queste circostanze.

“È la prova dell’enorme forza della vita umana e del corpo materno che ha gestito molto bene, con l’aiuto di dottori e infermieri, questa difficile situazione e ha dato la vita a un bambino nonostante la morte cerebrale”, hanno commentato i medici.

Era il 21 aprile scorso, quando la 27enne è stata ritrovata a casa, incosciente. La corsa in ospedale è stata vana: per lei non c’era più nulla da fare. La donna, come ha rivelato una Tac, è stata colpita da un ictus e questo gli è stato letale. Alle 16 di quel giorno è stata dichiarata la morte cerebrale della giovane donna. La bambina che portava in grembo, però, poteva essere salvata.

I medici, allora, non si sono dati per vinti e così hanno fatto di tutto per stabilizzare le funzioni vitali della 27enne. In questo modo, il feto, al quarto mese di gravidanza, avrebbe continuato a crescere.

La donna è stata monitorata 24 ore su 24. Il suo cuore, i suoi polmoni e i suoi reni sono stati sempre sotto la lente di ingrandimento dei medici di Anestesia, rianimazione e medicina intensiva dell’ospedale universitario di Brno e della Facoltà di Medicina dell’Università di Masaryk. Ovviamente, un ruolo fondamentale è stato giocato dai ginecologi.

La donna è stata sotto l’attenzione dei medici, che le hanno riservato cure specifiche volte a evitare che qualsiasi tipo di infezione potesse attaccare il suo corpo e arrivando anche a proteggere la sua pelle da possibili piaghe.

Grazie a tutte queste particolari accortezze, il 15 agosto scorso la piccola è nata grazie a un parto cesareo. Così all’ottavo mese la bambina è nata: 2.130 grammi e 42 centimetri di speranza.

Madre alcolizzata si addormenta sul neonato e lo soffoca. Il giudice la assolve: “Non voleva farlo davvero”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, forte terremoto a Creta: almeno un morto e nove feriti
Esteri / Svizzera, vincono i sì al referendum sui matrimoni gay: favorevoli quasi due terzi degli elettori
Esteri / A San Marino l’aborto è diventato legale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, forte terremoto a Creta: almeno un morto e nove feriti
Esteri / Svizzera, vincono i sì al referendum sui matrimoni gay: favorevoli quasi due terzi degli elettori
Esteri / A San Marino l’aborto è diventato legale
Esteri / Elezioni Germania, crolla la Cdu. Spd avanti: per governare serve l'accordo con Verdi e Liberali
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”