Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Le aziende danesi cercano impiegati da assumere ma non ci sono disoccupati nel paese

Immagine di copertina

Nello stato nordeuropeo si assiste a una veloce crescita economica che ha ridotto i tassi di disoccupazione creando rallentamenti nei ritmi produttivi

In Danimarca non ci sono abbastanza lavoratori da assumere. È la situazione con cui hanno a che fare gli imprenditori del paese come Peter Enevoldsen, proprietario di un’azienda meccanica, Sjorring Maskinfabrik. Dopo la gioia per aver ricevuto una commessa da mezzo milione di dollari ha dovuto subito ridimensionare le sue aspettative per le difficoltà a trovare persone da impiegare. La sua storia è stata raccontata dal New York Times

**Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.**

L’economia danese sta attraversando un periodo di veloce ripresa dopo la crisi economica che ha colpito l’intero continente. Enevoldsen è stato costretto a rimandare la consegna dei suoi componenti meccanici perché impossibilitato a velocizzare la produzione.

La Danimarca al momento ha un tasso di disoccupazione che non supera il 4,3 per cento. Questo significa che quasi tutti i cittadini in età lavorativa hanno già un impiego. Non sempre però questo dato si rivela vantaggioso per l’economia nazionale.

Il fenomeno riguarda quasi un terzo delle industrie danesi e interessa tutti i settori, da quello informatico a quello dell’edilizia. Spesso l’unico incentivo all’assunzione è rappresentato da un aumento progressivo degli stipendi. Le aziende più colpite dal problema hanno già dovuto rallentare la produzione e addirittura rifiutare alcuni contratti.

Il caso danese rappresenta un paradosso vista la situazione media del continente europeo. Per cercare di trovare una soluzione Enevoldsen e alcuni suoi colleghi hanno avviato una campagna pubblicitaria per attirare talenti. “Se la carenza di forza lavoro dovesse continuare, potrebbe incidere pesantemente sulla nostra crescita”, ha detto.

I paesi più vicini alla situazione della Danimarca per quanto riguarda la completa occupazione sono il Regno Unito e la Germania. Non è la prima volta che lo stato nordeuropeo affronta questo problema. Il tasso di disoccupazione dieci anni fa è sceso al 2,3 per cento, toccando il suo minimo storico. In quell’occasione ci fu un aumento dei salari e dei prezzi che il governo vuole evitare oggi.

Alcune aziende hanno deciso di cercare forza lavoro all’estero. “Volevamo assumere nel nostro paese ma è stato impossibile”, ha detto Janus Benn Sorensen, fondatore della società Clio Online. Per attirare possibile persone da impiegare hanno aumentato gli stipendi del 2 per cento, riducendo i loro margini.

“Potremmo dover essere felici per i tassi di crescita bassi nel futuro a meno che non riusciamo a stimolare nuove assunzione”, ha spiegato Steen Nielsen, direttore delle politiche occupazionali alla Confederazione dell’industria danese.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.** 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Siberia, cinque ragazzi trovano e salvano una bambina appena nata abbandonata a -20 gradi
Esteri / Francia, la proposta shock del candidato Zemmour: “Scuole separate per studenti disabili”
Esteri / Djokovic espulso dall’Australia, il presidente serbo: “Trattato come un assassino seriale”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Siberia, cinque ragazzi trovano e salvano una bambina appena nata abbandonata a -20 gradi
Esteri / Francia, la proposta shock del candidato Zemmour: “Scuole separate per studenti disabili”
Esteri / Djokovic espulso dall’Australia, il presidente serbo: “Trattato come un assassino seriale”
Esteri / “Il futuro dipende dai non vaccinati, salveranno l’umanità”: l’ultima teoria folle del Nobel Montagnier
Esteri / Djokovic, appello respinto: sarà espulso dall’Australia. “Deluso dalla sentenza”
Esteri / Proteste in Kazakistan, aggiornato il bilancio dei morti: sono 225
Esteri / Come in un film, dottoressa fa nascere una bambina in volo: “Si chiama Miracolo”
Esteri / Eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Haʻapai, ora è allarme tsunami | VIDEO
Esteri / Novak Djokovic nuovamente in stato di detenzione al Park Hotel. Stanotte decisione definitiva sull’esplusione
Esteri / Stati Uniti, dura accusa alla Russia: “Ha inviato commando in Ucraina per dare il pretesto all’invasione”