Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Gli attacchi a Jos, in Nigeria

Immagine di copertina

Due attentati nel centro del Paese hanno causato la morte di 44 persone. Non sono stati rivendicati ma sono stati attribuiti al gruppo estremista Boko Haram

Nella città nigeriana di Jos, nel centro del Paese, sono avvenuti due attacchi. La prima bomba è esplosa nella moschea Yantaya mentre il leader e predicatore religioso, Sani Yahaya Jingir, parlava della coesistenza pacifica tra le diverse fedi religiose.

Sani Yahaya Jingir in passato si era espresso criticamente di Boko Haram.

Una seconda bomba è stata invece fatta esplodere in un ristorante, dove sono morte almeno 15 persone. Gli attacchi hanno causato la morte di 44 persone. Finora i feriti accertati sono almeno 67.

Entrambi gli attentati non sono ancora stati rivendicati, ma sono stati attribuiti al gruppo estremista Boko Haram, che in passato ha preso di mira più volte la città nigeriana di Jos.

Nella scorsa settimana, oltre 200 persone sono morte in seguito ad attentati, avvenuti soprattutto nel nordest del Paese, roccaforte di Boko Haram. Nel corso dell’ultimo anno si temono fino a duemila vittime.

Leggi: i miliziani di Boko Haram sono convinti che i loro figli cresceranno ereditando la loro ideologia anche se dovessero vivere lontani da loro. Per questo, hanno brutalmente violentato e poi messo incinta le donne che hanno rapito. Alcune di queste, ora libere, raccontano le violenze subite.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Esteri / I Maneskin alla conquista degli Usa: apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas
Esteri / Allarme in Europa: rubate le chiavi per generare Green pass. Nel dark web quello “funzionante” di Hitler
Esteri / Scandalo Facebook, Zuckerberg a un passo delle dimissioni
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri