Covid ultime 24h
casi +16.974
deceduti +380
tamponi +319.633
terapie intensive -73

Attacco aereo Usa contro miliziani pro-Iran in Siria: la prima azione militare dell’era Biden

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 26 Feb. 2021 alle 07:57 Aggiornato il 26 Feb. 2021 alle 09:26
1.7k
Immagine di copertina
Joe Biden Credits: Twitter

Questa notte – venerdì 26 febbraio – è avvenuta la prima azione militare dell’era Joe Biden: gli Usa hanno bombardato la Siria, nella zona orientale, al confine con l’Iraq, prendendo di mira infrastrutture delle milizie appoggiate dall’Iran. L’Osservatorio siriano dei diritti dell’uomo ha rivelato che almeno 17 combattenti pro-Iran sono stati uccisi in seguito all’attacco.

Il Pentagono afferma che il raid, ordinato da Joe Biden e sferrato dopo aver consultato gli alleati, è in risposta all’attacco missilistico in Iraq dello scorso 15 febbraio nel quale ha perso la vita un contractor civile mentre militari statunitensi e di altre forze della coalizione sono rimasti feriti.

Pentagono: “Biden proteggerà personale coalizione americana”

Dopo 37 giorni dal suo insediamento, Biden delinea la sua posizione in Medio oriente. “I raid hanno distrutto diverse strutture al confine, utilizzate da una serie di milizie filo iraniane”, precisa il portavoce del Pentagono John Kirby. “Invia un messaggio inequivocabile: il presidente Biden agirà per proteggere il personale della coalizione americana. “Allo stesso tempo – rimarca Kirby – abbiamo agito in modo deliberato puntando a calmare la situazione sia nella Siria orientale e sia in Iraq”.

I precedenti

Washington aveva condannato l’attacco dello scorso 15 febbraio contro la base statunitense nella regione del Kurdistan iracheno, ma senza accusare nessuno e affidandosi all’Iraq per l’inchiesta. “Aspettiamo che l’indagine venga completata – dichiaro’ Kirby – e allora avremo più dire, e lo faremo”.

Lo scorso 15 febbraio i missili erano stati lanciati da un’area a sud di Erbil, vicino al confine con la provincia di Kirkuk. L’attacco è stato rivendicato da un gruppo sciita che si fa chiamare Awliyaa al-Dam, o Guardiani del Sangue. L’Iran nega di avere legami con queste milizie. Poi la scorsa settimana un missile è stato lanciato nella Zona Verde di Baghdad, che ospita le ambasciate, compresa quella americana. Non ci sono state vittime.

Sullo sfondo: il difficile negoziato tra Iran e Usa sul nucleare

La Casa Bianca non ha accusato alcun gruppo specifico ma ha fatto sapere di ritenere l’Iran responsabile delle azioni dei suoi ‘delegati’. Molti di questi attacchi, “sono stati portati avanti con armi prodotte o fornite dall’Iran”, le ha fatto eco il portavoce del dipartimento di Stato, Ned Price. Teheran sta facendo pressioni su Washington affinché ritorni nell’intesa sul nucleare iraniano del 2015. E Biden ha aperto al negoziato.

Leggi anche: Trump prepara il suo ritorno: “Sarò io il candidato repubblicano alle elezioni del 2024” 2. Gli Stati Uniti superano il mezzo milione di morti per Covid, Biden: “Bilancio straziante, occupiamoci di chi è rimasto” 3. Usa, impeachment Trump: il Senato lo assolve e vota contro la condanna 4. Biden ha fermato la costruzione del muro con il Messico

1.7k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.