Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Biden ha fermato la costruzione del muro con il Messico

Immagine di copertina
Al confine tra Usa e Messico Credits: Flikr

Il presidente Joe Biden ha rescisso l’ordine d’emergenza firmato da Donald Trump per finanziare la costruzione del ‘muro’ al confine con il Messico. Lo ha annunciato la Casa Bianca.

“Ho deciso – ha scritto Biden in una lettera indirizzata alla Speaker della Camera, Nancy Pelosi – che la dichiarazione d’emergenza per il nostro confine a sud non è più necessaria”. Il presidente ha inoltre annunciato che “nessun altro dollaro dei contribuenti americani sarà messo nella costruzione del muro” e che sarà lo stesso Biden a condurre una “attenta revisione di tutte le risorse destinate a quel fine”.

Trump aveva firmato l’ordine d’emergenza all’inizio del 2019 dopo mesi di scontri con il Congresso. L’amministrazione aveva deciso di utilizzare 2,5 miliardi di dollari destinati al dipartimento della Difesa.

Si chiude così, dopo cinque anni, la battaglia per il ‘muro’, cominciata nel 2016 durante la campagna delle presidenziali in cui Trump ne aveva fatto una delle sue promesse elettorali per fermare il flusso di clandestini.

Nel gennaio 2017 il neo eletto presidente aveva firmato un ordine esecutivo che impegnava il governo alla costruzione della barriera. Sotto il suo mandato sono stati costruiti 732 chilometri di muro lungo gli oltre tremila chilometri di confine. Il 20 gennaio Biden aveva firmato un ordine che aveva messo in pausa la costruzione.

Leggi anche: 1. Nessuno dice come stanno davvero le cose: Facebook e Twitter hanno censurato Trump unicamente per tutelare i loro interessi (di Elisa Serafini); //. 2. Censura? No, il problema è che abbiamo dato troppo potere a Facebook e Twitter (di Gabriele Volpe)

Leggi anche: 1. Ero dentro il Congresso Usa quella sera, vi racconto cosa ho visto / 2. Dai complotti sul web al tentato golpe: così Trump ha legittimato il neo-terrorismo americano; // 3. Il giorno più buio dell’America (di Giulio Gambino) / 4. Il golpe di Trump (di Luca Telese) /5. La democrazia Usa cancellata per qualche ora, ma il vero sconfitto è Trump (di G. Gramaglia)

Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”