Covid ultime 24h
casi +8.824
deceduti +377
tamponi +158.674
terapie intensive +41

Assistente sociale convince 16enne a vivere con lo zio: lui 24 ore dopo la violenta e la uccide

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 9 Dic. 2020 alle 09:18
1k
Immagine di copertina

Assistente sociale convince sedicenne a vivere con lo zio, lui la uccide

Zio uccide la nipote sedicenne, la quale, poche ore prima, era stata convinta da una assistente sociale a continuare a vivere con il parente. La verità è emersa nel corso del processo che si è concluso nella giornata di martedì 8 dicembre con la condanna di Shane Mays per omicidio. Secondo quanto ricostruito, la sedicenne Louise Smith, che viveva con lo zio poiché i suoi genitori erano stati costretti a trasferirsi fuori dal Regno Unito per motivi di lavoro, aveva intenzione di abbandonare l’appartamento perché infastidita dai comportamenti del parente. L’adolescente, infatti, aveva rivelato ad alcuni amici che lo zio nutriva un interesse sessuale nei suoi confronti e che aveva tentato in più di un’occasione un approccio, motivo per cui lei voleva andarsene.

A convincerla a restare, però, sarebbe stata una assistente sociale con la quale Louise avrebbe avuto un colloquio appena 24 ore prima di essere assassinata. Secondo quanto ricostruito nel processo, infatti, il giorno dopo il faccia a faccia con l’assistente sociale, la ragazza sarebbe stata attirata in un bosco dallo zio, che qui l’avrebbe dapprima picchiata, poi violentata e infine uccisa. L’uomo ha ammesso di aver picchiato la ragazza in seguito a una discussione, ma ha negato di aver abusato sessualmente di lei e dichiarato di non avere nessuna intenzione di ucciderla. Una tesi alla quale non ha creduto la giuria che lo ha condannato.

Leggi anche: 1. Tiene la figlia di un anno e mezzo sotto l’acqua bollente, la piccola muore: arrestata 26enne / 2. Australia, uccide il figlio di un mese e mezzo mentre gioca alla PlayStation: lo stava disturbando / 3. Regno unito, papà uccide il figlio di 11 mesi gettandolo in un fiume: “Si stava trasformando nel diavolo”

1k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.