Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:12
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Rapita, segregata e schiavizzata in Argentina: dopo 32 anni torna a casa

Immagine di copertina

Dopo quasi 20 anni una donna argentina è riuscita a fare ritorno a casa: era stata rapita quanto aveva solo 13 anni e portata in Bolivia, dove è stata ridotta in schiavitù.

La donna era finita nelle mani di una rete di trafficanti di esseri umani boliviani ed è stata salvata grazie ad un’operazione congiunta a cui hanno preso parte le autorità di Bolivia e Argentina, secondo quanto riferito dalla Gendarmeria nazionale argentina.

La donna, che ora ha 45 anni, è scomparsa quando era un’adolescente e solo adesso è riuscita a fare ritorno nella sua città di Mar del Plata.

Secondo le autorità, nel dicembre 2014 i membri dell’Unità investigativa e procedimenti giudiziari “Orán” hanno ricevuto un’ingiunzione da parte di un tribunale per avviare un’indagine sulla scomparsa della donna, condotta in Bolivia da alcuni trafficanti.

Le indagini hanno portato al salvataggio della donna nel 2018, quando i funzionari hanno scoperto che la giovane si trovava nella città di Bermejo, nel sud della Bolivia, vicino al confine con l’Argentina.

Grazie alla collaborazione con le forze dell’ordine locali, la donna e il figlio di nove anni sono stati liberati.

La donna aveva 13 anni quando è stata ingannata con la promessa di un lavoro e di una vita migliore da alcuni trafficanti di esseri umani che l’hanno condotta in Bolivia insieme alla sorella maggiore, che aveva appena avuto un bambino.

Una volta varcato il confine, la ragazza è stata ridotta in schiavitù mentre la sorella era riuscita a liberarsi e a tornare in Argentina, senza riuscire a portare con sé il figlio.

Una volta a casa, la donna aveva raccontato ciò che era successo a lei e alla sorella minore, senza però riuscire a indicare a fornire indicazioni precise sul luogo in cui erano state condotte, né sulla città.

Al momento non si conosce l’identità della donna né della sua famiglia: si sa solo che risiedono a Mar del Plata. Secondo El Clarìn, la vittima è stata costretta a prostituirsi in un bordello per anni ed è stata segregata insieme al figlio.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Etiopia, in Tigray due milioni di persone senza cibo: “Andiamo a dormire sperando di non morire”
Esteri / Orbán presto in Russia per vedere Putin: chiederà più gas verso l’Ungheria
Esteri / Honduras, Xiomara Castro è la prima presidente donna del paese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Etiopia, in Tigray due milioni di persone senza cibo: “Andiamo a dormire sperando di non morire”
Esteri / Orbán presto in Russia per vedere Putin: chiederà più gas verso l’Ungheria
Esteri / Honduras, Xiomara Castro è la prima presidente donna del paese
Esteri / Pakistan, 14enne si spara accidentalmente e muore mentre gira video su TikTok
Esteri / Polonia, donna incinta muore dopo aver portato in grembo un feto morto per 7 giorni
Esteri / Ucraina, tensione ancora alta: ambasciatore Usa consegna la risposta scritta alle garanzie chieste da Mosca
Esteri / Usa, 23enne trovata morta dopo un appuntamento su un’app di incontri: si indaga per omicidio
Esteri / Francia, il Parlamento approva: “Vietate le ‘terapie di conversione’ usate per ‘guarire’ l’omosessualità”
Esteri / “La Cina ha realizzato una app per spiare gli atleti alle Olimpiadi di Pechino”: l’accusa
Esteri / Crisi Russia-Ucraina, venti di guerra soffiano alle porte dell’Europa: cosa sta succedendo