Covid ultime 24h
casi +29.003
deceduti +822
tamponi +232.711
terapie intensive -2

Questo paese ha concesso la cittadinanza a un robot per la prima volta nella storia

Di Sara Ahmed
Pubblicato il 26 Ott. 2017 alle 19:36 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 20:25
0
Immagine di copertina
Il robot Sophia.

L’Arabia Saudita ha annunciato di aver concesso la cittadinanza a un robot di nome Sophia.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Sophia è stata progettata dalle aziende di robotica “Hanson Robotics” e “Hiroshi Ishiguro” nel 2015. Il creatore David Hanson, per far assumere al robot sembianze umane, ha posto l’attenzione ai minimi dettagli: estetici, dialettali e comportamentali. Il robot è in grado, infatti, di parlare e interagire con le persone.

Il materiale con il quale è stato realizzato è la gomma siliconica. Può simulare 62 espressioni facciali e ha due micro telecamere dietro gli occhi artificiali per riconoscere gli interlocutori.

L’androide Sophia è stata presentata durante il Forum “Future investment initiative” in corso a Riad, per il lancio del programma saudita “Neom”. Durante la presentazione, il  giornalista Andrew Ross Sorkin ha interagito con il robot ponendogli delle domande e ottenendo anche delle risposte. 

“Sono molto onorata e orgogliosa di questa distinzione. É un evento storico il riconoscimento di una cittadinanza a un robot” ha detto il robot Sophia al giornalista.

Il progetto Neom consiste nella costruzione della città del futuro che andrà a occupare 26.500 chilometri quadrati, estendendosi, oltre che in  Arabia Saudita, anche in Egitto e in Giordania. Come si legge nella nota che presenta il progetto, la città aspira a essere: “la più sicura, la più efficiente, la più orientata al futuro, il miglior posto dove vivere e lavorare”.

Secondo Al Arabiya, all’interno della città ci saranno molti altri robot come Sophia, per aiutare gli abitanti e rispondere alle loro esigenze. Oltre ai robot ci saranno anche automobili senza conducenti per lo spostamento dei cittadini.

“Voglio vivere e lavorare con gli umani. Devo esprimere le mie emozioni per costruire un rapporto di fiducia con loro” sono state le parole pronunciate dal robot rivolgendosi di nuovo al giornalista.

Sophia ha proseguito dicendo: “Userò la mia intelligenza artificiale per aiutare gli umani. Devo aiutarli a costruire nuove città e case eleganti per il futuro. Farò del mio meglio per rendere il mondo un posto migliore”.

Come ha riportato Cnn Arabic, Sophia ha dimostrato di essere in grado di mostrare le proprie emozioni e di provare sentimenti umani come gioia, tristezza e rabbia.

Il video dello scambio di parole tra Sophia e Andrew Ross Sorkin è stata pubblicato su You Tube, sui Social e da molte emittenti televisive arabe.

Il robot Sophia era stato presentato anche durante altri convegni e programmi televisivi dopo la sua creazione. Nel 2016, il giornalista Charlie Rose aveva intrattenuto un discorso con l’androide femminile durante il quale Sophia aveva detto di avere un’anima come gli esseri umani.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.