Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Arabia Saudita, ribelli houthi attaccano la raffineria più grande del mondo con i droni

Immagine di copertina
Credit: AFP

Colpito anche un importante giacimento di petrolio, gestito dalla compagnia petrolifera nazionale Saudi Aramco

I ribelli houthi dello Yemen hanno messo sotto attacco con dei droni due installazioni petrolifere in Arabia Saudita. Gli obiettivi colpiti sono la raffineria più grande del mondo e un importante giacimento di petrolio gestito dalla compagnia petrolifera nazionale Saudi Aramco.

Esplosioni e incendi sono stati causati dall’attacco nella raffineria di Abqayq (Buqyaq), dove per il momento non si hanno notizie di morti o feriti nella struttura. Neanche presso il giacimento di Khurais si registrano vittime secondo le prime notizie.

Arabia Saudita: attacco con droni alla raffineria

Secondo alcuni video pubblicati online, nella raffineria di Abqayq sono stati anche sparati colpi di arma da fuoco, ma su questa circostanza non si hanno per ora conferme.

Il ministero dell’Interno saudita ha reso noto in un comunicato che gli incendi sono scoppiati dopo che il sito è stato “preso di mira da droni”, aggiungendo che è in corso un’inchiesta.

In un breve messaggio trasmesso dal canale satellitare Al-Masirah degli houthi, il portavoce militare dei ribelli Yahia Sarie ha detto che nell’attacco alla raffineria sono stati utilizzati 10 droni e che l’azione contro l’Arabia Saudita si intensificherà se la guerra in Yemen non finirà.

Secondo i media statali ora gli incendi sono sotto controllo in entrambe le strutture. Non è ancora chiaro, tuttavia, l’impatto che gli attentati avranno sulla produzione.

L’attacco è stato rivendicato dai ribelli houthi dello Yemen, gruppo sciita sostenuto dall’Iran.

Già in passato gli houthi  hanno lanciato attacchi con droni all’interno del territorio dell’Arabia Saudita, che da anni guida una coalizione militare in guerra contro i miliziani separatisti.

Yemen, la foto shock dei bambini a scuola nell’edificio distrutto dalla guerra

Ti potrebbe interessare
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio