Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:34
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Yemen, la foto shock dei bambini a scuola nell’edificio distrutto dalla guerra

Immagine di copertina
Credit: AHMAD AL-BASHA / AFP

Lo scatto del reporter Ahmad Al-Basha, dell'agenzia francese Afp, racconta il dramma dei civili coinvolti nel conflitto

Taez, Yemen: un gruppo di bambini seduto a terra in un edificio smembrato dalle bombe, in piedi davanti a loro un adulto. È il primo giorno di scuola. La foto è stata scattata il 3 settembre 2019 da Ahmad Al-Basha, fotoreporter dell’agenzia francese Afp. La scuola è stata devastata lo scorso anno durante un combattimento aereo tra le forze governative, sostenute dall’Arabia Saudita, e i ribelli sciiti houthi.

Nei giorni scorsi a Gedda, porto saudita sul Mar Rosso, sono entrati nel vivo i colloqui tra le parti rivali nel sud dello Yemen, dopo le tensioni delle ultime settimane ad Aden e nelle regioni circostanti. La settimana scorsa erano ripresi violenti scontri per il controllo dello strategico porto marittimo e l’aeroporto internazionale della seconda città dello Yemen. Altri combattimenti si erano avuti per tutto il mese di agosto nelle vicine regioni di Shabhwa e Abyan, importanti per il passaggio di risorse energetiche dall’entroterra verso la costa.

Intanto, esperti delle Nazioni Unite hanno riferito che in Yemen è stata registrata una “moltitudine di crimini di guerra”. Molte delle violazioni “possono comportare la condanna delle persone per crimini di guerra se un tribunale indipendente e competente ne viene sequestrato”, hanno affermato in una nota gli esperti Onu.

“Cinque anni dopo l’inizio del conflitto, le violazioni contro i civili yemeniti continuano senza sosta, con totale disprezzo per la situazione del popolo e la mancanza di azioni internazionali per ritenere responsabili le parti in conflitto”, ha affermato Kamel Jendoubi, presidente del gruppo di esperti.

Dal 2014 a oggi la guerra in Yemen ha provocato decine di migliaia di morti, tra cui molti civili, e ha fatto sprofondare il paese della penisola arabica nella peggiore crisi umanitaria del mondo, secondo le Nazioni Unite.

Qui tutte le notizie sullo Yemen
Yemen: le bombe made in Italy che uccidono i civili. L’inchiesta di TPI svela il business di armi tra Arabia Saudita e Italia
Stop all’esportazione di bombe verso l’Arabia Saudita: l’annuncio ufficiale dell’azienda produttrice di armi RWM
Ti potrebbe interessare
Esteri / Montenegro, spara sulla folla e fa 11 morti
Esteri / Trump indagato dall’Fbi per spionaggio: “Trovate 20 scatole di documenti top secret”
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York: “Rischia di perdere un occhio”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Montenegro, spara sulla folla e fa 11 morti
Esteri / Trump indagato dall’Fbi per spionaggio: “Trovate 20 scatole di documenti top secret”
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York: “Rischia di perdere un occhio”
Esteri / Formentera, incendio distrugge il superyacht da 25 milioni di euro a pochi metri dalla spiaggia | VIDEO
Esteri / Troppe cause per rischio tumori: dal 2023 Johnson & Johnson non venderà più borotalco
Esteri / Costa Azzurra, ombrelloni e lettini soltanto ai bianchi. Stabilimenti accusati di razzismo
Esteri / Usa, l’attrice Anne Heche è cerebralmente morta, la famiglia: “Staccheremo la spina e doneremo gli organi”
Esteri / Rinasce Notre-Dame: ecco come sarà la cattedrale di Parigi dopo la ricostruzione | VIDEO
Esteri / Onu: L’esercito israeliano ha ucciso 19 bambini palestinesi in meno di una settimana
Esteri / Usa, a casa di Trump l’Fbi cercava documenti su armi nucleari: la rivelazione del Washington Post