Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:26
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La app che resuscita i morti (almeno in chat)

Immagine di copertina

Una startup di San Francisco ha creato una app simile agli assistenti vocali di Apple o Android, in questo caso per simulare una conversazione con una persona defunta

Una giovane informatica russa di base a San Francisco,
Eugenia Kuyda, amministratrice delegata della startup Luka, ha recentemente sviluppato un sistema di intelligenza
artificiale con un obiettivo apparentemente piuttosto ambizioso: resuscitare i
defunti.

In realtà l’obiettivo di Kuyda è meno fantasioso di quanto
si possa pensare: attraverso le sue conoscenze nel campo delle macchine
pensanti, ha creato una app simile agli assistenti vocali di Apple o Android,
in questo caso per simulare una conversazione con una persona passata a miglior
vita.

Tutto è partito quando il suo amico Roman Mazurenko è morto
in un incidente stradale poco prima del suo 33esimo compleanno, e lei ha deciso
di sfruttare il suo lavoro per elaborare il lutto e magari per aiutare chi stia
vivendo un’esperienza simile.

Molte persone hanno l’abitudine di rivolgersi tra sé e sé, o
anche ad alta voce, a persone care defunte, e attraverso la app Eugenia ha
pensato di poter avere la momentanea illusione, per quanto flebile e
ininfluente, di ricevere una risposta dall’altra parte.

Per farlo, ha usato le migliaia di sms inviati da Roman nel
corso degli anni, e attraverso la sua startup è riuscita a creare una versione
virtuale, seppur imperfetta e difettosa, del suo amico scomparso, che risponde
alle sue domande con risposte simili a quelle che avrebbe dato in vita.

Secondo Eugenia Kuyda, questo genere di chat commemorative
rappresentano “il futuro”, e spera attraverso la sua app di fare in modo che a
breve anche altre persone possano creare degli avatar digitali delle persone a
loro più care.

Questo un esempio delle conversazioni che si possono intrattenere con l’avatar di Roman:

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Il futuro dipende dai non vaccinati, salveranno l’umanità”: l’ultima teoria folle del Nobel Montagnier
Esteri / Djokovic, appello respinto: sarà espulso dall’Australia. “Deluso dalla sentenza”
Esteri / Proteste in Kazakistan, aggiornato il bilancio dei morti: sono 225
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Il futuro dipende dai non vaccinati, salveranno l’umanità”: l’ultima teoria folle del Nobel Montagnier
Esteri / Djokovic, appello respinto: sarà espulso dall’Australia. “Deluso dalla sentenza”
Esteri / Proteste in Kazakistan, aggiornato il bilancio dei morti: sono 225
Esteri / Come in un film, dottoressa fa nascere una bambina in volo: “Si chiama Miracolo”
Esteri / Eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Haʻapai, ora è allarme tsunami | VIDEO
Esteri / Novak Djokovic nuovamente in stato di detenzione al Park Hotel. Stanotte decisione definitiva sull’esplusione
Esteri / Stati Uniti, dura accusa alla Russia: “Ha inviato commando in Ucraina per dare il pretesto all’invasione”
Esteri / Principe Andrea estromesso dalla famiglia reale per le accuse di abusi sessuali: “Decisivo il ruolo di William”
Esteri / Francia, Zemmour contro l’inglese: “Non deve essere più usato nell’Ue”
Esteri / Regno Unito, Ikea taglia l’indennità di malattia ai dipendenti non vaccinati costretti all’autoisolamento