Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La app che resuscita i morti (almeno in chat)

Immagine di copertina

Una startup di San Francisco ha creato una app simile agli assistenti vocali di Apple o Android, in questo caso per simulare una conversazione con una persona defunta

Una giovane informatica russa di base a San Francisco,
Eugenia Kuyda, amministratrice delegata della startup Luka, ha recentemente sviluppato un sistema di intelligenza
artificiale con un obiettivo apparentemente piuttosto ambizioso: resuscitare i
defunti.

In realtà l’obiettivo di Kuyda è meno fantasioso di quanto
si possa pensare: attraverso le sue conoscenze nel campo delle macchine
pensanti, ha creato una app simile agli assistenti vocali di Apple o Android,
in questo caso per simulare una conversazione con una persona passata a miglior
vita.

Tutto è partito quando il suo amico Roman Mazurenko è morto
in un incidente stradale poco prima del suo 33esimo compleanno, e lei ha deciso
di sfruttare il suo lavoro per elaborare il lutto e magari per aiutare chi stia
vivendo un’esperienza simile.

Molte persone hanno l’abitudine di rivolgersi tra sé e sé, o
anche ad alta voce, a persone care defunte, e attraverso la app Eugenia ha
pensato di poter avere la momentanea illusione, per quanto flebile e
ininfluente, di ricevere una risposta dall’altra parte.

Per farlo, ha usato le migliaia di sms inviati da Roman nel
corso degli anni, e attraverso la sua startup è riuscita a creare una versione
virtuale, seppur imperfetta e difettosa, del suo amico scomparso, che risponde
alle sue domande con risposte simili a quelle che avrebbe dato in vita.

Secondo Eugenia Kuyda, questo genere di chat commemorative
rappresentano “il futuro”, e spera attraverso la sua app di fare in modo che a
breve anche altre persone possano creare degli avatar digitali delle persone a
loro più care.

Questo un esempio delle conversazioni che si possono intrattenere con l’avatar di Roman:

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Putin mi ha promesso che non ucciderà Zelensky”: il racconto dell’ex premier israeliano
Esteri / Papa Francesco, concluso il viaggio in Africa: “I cristiani possono cambiare la storia”
Esteri / La Cina minaccia “azioni in risposta” all’abbattimento del pallone spia che sorvolava gli Stati Uniti
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Putin mi ha promesso che non ucciderà Zelensky”: il racconto dell’ex premier israeliano
Esteri / Papa Francesco, concluso il viaggio in Africa: “I cristiani possono cambiare la storia”
Esteri / La Cina minaccia “azioni in risposta” all’abbattimento del pallone spia che sorvolava gli Stati Uniti
Esteri / Nonna si tatua tutto il corpo (tranne il viso): “Orgogliosa di essere una tela vivente”
Esteri / Stati Uniti, abbattuto il pallone-spia cinese. La Difesa: “Sorvegliava siti strategici”
Esteri / La svolta autoritaria di Netanyahu rischia di trasformare Israele in una democratura
Esteri / Dal gas ai fertilizzanti: così la guerra di Putin sconfina nel Sahara
Esteri / Ucraina, Corea, Taiwan, Africa, Medio Oriente: ecco tutte le guerre di cui dovremo preoccuparci nel 2023
Esteri / In Ucraina la strada verso l’escalation è lastricata di armi (di S. Mentana)
Esteri / Furto a luci rosse in Spagna: rubati sex toys placcati in oro 24 carati